Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Coronavirus in Italia, calano di nuovo i malati, 333 i morti ma pochi tamponi

Di Luca Laviola

ROMA - «Il trend al di là di flessioni dovute al weekend indica un progressivo decremento dei morti e dei casi di infezione, anche se con meno tamponi fatti». Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sintetizza così tornando in conferenza stampa alla Protezione civile i dati di giornata sul coronavirus in Italia. Il numero che spicca è il calo dei pazienti in terapia intensiva, sotto i 2 mila (sono 1.956, 53 in meno di ieri): non accadeva dal 16 marzo. I posti in rianimazione saranno un indicatore importante anche per la Fase 2, specie in caso di nuovi scoppi epidemici.

Pubblicità

In 24 ore condizionate dal numero esiguo di tamponi rispetto alla media del periodo - appena 32 mila, 'colpà del ponte festivo - si registra comunque il decremento record di ricoverati con sintomi nei reparti ordinari: -1.019, di cui 956 in Lombardia. Tornano a scendere i malati, gli 'attualmente positivì, che ora sono 105.813, con un calo di 290 (ieri erano risaliti di 156); i contagiati totali - che comprendono anche morti e guariti - crescono di 1.739 unità (l'aumento ieri era stato di 2.324) e si avviano ai 200 mila. Le persone dimesse ammontano ora a 66.624: in un giorno i guariti sono aumentati di 1.696 unità (erano stati 1.808 domenica). Le vittime giornaliere sono invece 333, un dato più alto del giorno addietro, quando si era registrato l’incremento più esiguo dal 15 marzo (+260). Il totale sempre più impressionante dei deceduti per Covid 19 è ora di 26.977.
Un dato a cui potrebbero mancare 10 mila decessi, secondo una stima elaborata da un gruppo di fisici dell’Università La Sapienza di Roma e della Temple University di Philadelphia, negli Usa. La base sono dati Istat sui decessi rispetto agli anni scorsi in un certo numero di Regioni. Insomma, le vittime potrebbero essere oltre 35 mila.
Segnali ancora contrastanti dalla Lombardia, l’epicentro della pandemia in Italia. Oltre al calo massiccio di ricoverati, i decessi (in totale 13.449, la metà del totale nazionale) aumentano di 124 rispetto a ieri, quando erano stati 56. I positivi sono 73.479, con un aumento di 590, ma i tamponi effettuati sono stati solo 5.053 (12.642 quelli effettuati sabato). In compenso sono ora 680 i ricoverati in terapia intensiva e «rispetto al 3 aprile sono più che dimezzati, dato che avevamo circa 1400 persone, sottolinea il vicepresidente della Regione Fabrizio Sala. A dimostrazione della situazione ancora difficile delle Regione, rispetto ad esempio al Veneto che è stata l’altro territorio inizialmente più colpito, c'è però la percentuale di positivi sui casi testati: 19% nelle ultime 24 ore in Lombardia a fronte dell’1% in Veneto. Primo calo dei malati in Piemonte, -11, nella regione divenuta un caso nelle ultime settimane.
Per la Fase 2, per la quale predica ancora «massima cautela e gradualità» Brusaferro anche come esponente di punta del Comitato tecnico scientifico, sarà cruciale monitorare i casi e "individuare eventuali focolai locali», afferma. Importante tenere sotto controllo l’R con zero delle singole regioni, ossia l'indice di contagiosità (quante persone ogni positivo infetta in media). Dal 4 maggio, giorno delle prime riaperture, ogni 15 giorni sarà monitorato e nel caso in cui dovesse salire nuovamente sopra l’1, verranno adottati provvedimenti di chiusura. Si partirà con delle 'zone rossè locali, individuando prima possibile i focolai, e si potrebbe arrivare ad un nuovo lockdown. Scenari previsti negli allegati all’ultimo Dpcm.
Insomma cautela e ancora cautela, specie nelle visite ai parenti anziani. Ancora Brusaferro: vanno fatte mantenendo la distanza, indossando la mascherina e curando l’igiene. Per il ritorno ai contatti stretti dovremo aspettare il vaccino». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA