Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, in Sicilia indice del contagio uguale a 0,75

Covid-19

Coronavirus, in Sicilia indice del contagio uguale a 0,75

Di Redazione

Sono tutte con l’indice Rt sotto l’1 le regioni italiane monitorate dal ministero della Salute e dall’istituto Superiore di Sanità ad eccezione del Molise che ha l'indice al 2,2 ma che non «preoccupa» come spiegano all’Iss. A guidare la classifica dei virtuosi è la Basilicata per aver fatto registrare un Rt pari a 0 mentre fanalino di coda l’Umbria con l’Rt pari a 0,94 ma pur sempre sotto l’1 e la Campania i cui dati sono ancora in fase di monitoraggio.

Pubblicità

«Al fine di meglio illustrare lo stato dell’arte nelle diverse Regioni - si legge nella tabella stilata dall’Iss e dal Ministero della Salute - accanto alla sintesi iniziale che inquadra lo stato nazionale, c'è anche il profilo regione per regione con i consueti dati epidemiologici arricchiti anche dal livello provinciale, così da poter rappresentare al meglio attraverso molteplici variabili la situazione di ogni contesto regionale». Il periodo di riferimento riguarda i casi con data prelievo/diagnosi settimana del 18-24 maggio.

Ecco le Regioni italiane ed il relativo indice di contagio: Abruzzo, 0,67; Basilicata 0; Calabria 0,13; Campania in fase di definizione; Emilia Romagna 0,55; Friuli Venezia Giulia 0,9; Lazio 0,74; Liguria 0,58; Lombardia 0,75; Marche 0,55; Molise 2,2,; Provincia Autonoma di Bolzano 0,57; Provincia autonoma di Trento 0,88; Piemonte 0,5; Puglia 0,62; Sardegna 0,51; Sicilia 0,75; Toscana 0,59; Umbria 0,94; Valle d’Aosta 0,8; Veneto 0,65.

L’indice di contagio, il famoso R0 rappresenta il “numero di riproduzione di base”, ovvero “il numero medio di infezioni secondarie prodotte da ciascun individuo infetto in una popolazione completamente suscettibile, cioè mai venuta a contatto con il nuovo patogeno emergente”, come si legge sul sito dell’Iss.

In parole povere, l’R0 serve a misurare quanto una malattia è potenzialmente trasmissibile. Se ad esempio l’indice è 2, significa che in media ciascun malato potrebbe infettare due persone. Più è alto l’R0, più è probabile il rischio di contagio e quindi di diffusione di un’epidemia.

L’indice R0 è composto dalla probabilità di trasmissione attraverso un singolo contatto tra una persona infetta ed una non infetta, dal numero dei contatti della persona infetta e dalla durata dell’infettività. Se cala almeno uno di questi tre parametri, cala di conseguenza anche la potenziale trasmissibilità del virus. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: