Notizie locali
Pubblicità
«Io, a 25 anni, ho preso il virus in vacanza a Siracusa e sono finito in ospedale: forse noi giovani non siamo così immuni»

Covid-19

«Io, a 25 anni, ho preso il virus in vacanza a Siracusa e sono finito in ospedale: forse noi giovani non siamo così immuni»

Di Redazione

ROMA - «Ho 25 anni eppure sono finito in ospedale, andrebbe ridimensionata la credenza che i giovani siano quasi immuni dal virus»: è il racconto di uno dei giovani ricoverati del Centro Covid 3 di Roma, a Casal Palocco, in cui da settembre molti reparti sono tornati saturi.

Pubblicità

«Mi sono contagiato a Siracusa, ero lì dalla mia ragazza e ci ha raggiunto un amico proveniente dalla Sardegna - continua Michele -. Quando ha saputo che alcune persone della sua comitiva erano positive, me l’ha detto e abbiamo fatto il tampone. Siamo risultati tutti positivi. All’inizio i sintomi non erano pesanti, poi io ho avuto febbre alta e problemi intestinali abbastanza gravi, quindi ho fatto la tac e mi hanno ricoverato qua».

«In queste settimane abbiamo avuto diversi ricoveri di bambini, ragazzi e giovani - spiega il neurologo, Paolo Onorati -. La caratteristica comune in questo periodo è proprio la giovane età dei pazienti e il fatto che hanno contratto il virus in maniera abbastanza inesplicabile, loro stessi faticano a capire come sia potuto succedere. Spesso sono persone tornate dalle vacanze o che hanno avuto contatti con persone tornate dalle vacanze, non solo dalla Sardegna. Dalle tac emerge tutta l'azione invasiva del virus nei polmoni. In questo momento abbiamo diversi reparti completamente pieni e non possiamo più accettare nuovi ricoveri. Va considerato che il tempo medio di permanenza dei malati di coronavirus è di 30 giorni, quando non ci sono complicazioni che richiedono il trasferimento in terapia intensiva», conclude il medico. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: