Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, bollettino del 14 ottobre: in Sicilia nuovi contagi sono 366

Covid-19

Coronavirus, bollettino del 14 ottobre: in Sicilia 366 nuovi contagi e due morti

Di Redazione

Anche in Sicilia, come in molte altre regioni del Paese, i contagi da coronavirus continuano a salire. Secondo il bollettino odierno del Ministero della Salute, relativo alle ultime 24 ore, i nuovi casi sono 366 (ieri erano 334). I tamponi processati oggi sono stati 7.021, in calo rispetto agli 8.340 del giorno precedente. Due i decessi, numero che porta il totale dei morti dall’inizio della pandemia a 343. Attualmente i positivi sull'isola sono 5.187 (+310), 4.691 (+284) le persone in isolamento domiciliare, mentre i ricoverati sono 447 (+21), dei quali 49(+5) in terapia intensiva. Questi i casi nelle nove province: Palermo: (94); Catania: (117); Messina: (39); Trapani: (49); Siracusa: (26); Ragusa: (10); Enna: (6); Caltanissetta: (20); Agrigento: (5).

Pubblicità

IN ITALIA: Record assoluto di contagi in Italia per il Coronavirus: secondo il bollettino del Ministero della Salute in 24 ore si sono registrati 7.332 casi che portano il totale a 372.799. Il dato più alto prima di oggi dall’inizio dell’emergenza si era registrato il 21 marzo, con 6.557 casi in un giorno: in quel caso, però, i tamponi fatti furono 26.336 mentre ieri ne sono stati fatti 152.196, il record dall’inizio dell’emergenza. Le vittime sono state 43 nelle ultime 24 ore, due più di ieri che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 36.289. Cresce anche il numero degli attualmente positivi: secondo i dati del ministero della
Salute ad oggi sono 92.445, con un incremento rispetto a martedì di 5.252. Di questi, 5.470 sono ricoverati nei reparti ordinari, 394 in più nelle ultime 24 ore, 539 sono in terapia intensiva, con un incremento di 25 rispetto a ieri, e 86.436 sono in isolamento domiciliare (+4.833). Meno evidente la crescita dei dimessi e dei guariti: sono 2.037 in un giorno che portano il totale a 244.065. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: