Notizie locali
Pubblicità
Dal 15 giugno EasyJet torna a volare sull'Italia e sulla Sicilia

Covid-19

Variante Covid, EasyJet continua a volare per il Regno Unito

Di Redazione

ROMA - Dopo l’ordinanza che sospende i voli in arrivo in Italia dalla Gran Bretagna fino al 6 gennaio, EasyJet ha mantenuto il collegamento verso il Regno Unito, mentre Alitalia e Ryanair hanno cancellato oltre ai voli in arrivo anche quelli in partenza.
«Nei prossimi giorni EasyJet si impegnerà a continuare a operare voli per il Regno Unito per consentire ai propri clienti di tornare a casa», spiega la low cost inglese, precisando che "i passeggeri saranno informati individualmente qualora il loro volo dovesse essere cancellato».

Pubblicità

Alitalia ha cancellato entrambi i due voli che operava con il Regno Unito (uno su Roma e uno su Milano). «A seguito dell’ordinanza del Ministero della Salute e successiva disposizione dell’Autorità aeronautica è interdetto il traffico aereo dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord a partire dal 20 dicembre 2020 fino al 6 gennaio 2021», spiega la compagnia sul proprio sito. Ryanair fa sapere che «per tutti i voli da/per il Regno Unito nei prossimi giorni (dal 20 al 24 dicembre) che sono vietati dalla normativa dei governi dell’Ue, tutti i clienti interessati riceveranno una notifica via e-mail con le soluzioni alternative disponibili, inclusi i cambi data gratuiti (senza commissione) o rimborsi se lo desiderano».  

EasyJet spiega che «i passeggeri impattati hanno la possibilità di spostarsi gratuitamente su un volo alternativo, ricevere un voucher o richiedere un rimborso. Questa policy sarà in vigore fintantoché lo saranno le restrizioni agli spostamenti. Stiamo cercando - spiega la low cost - di rendere la gestione dei voli il più semplice possibile per tutti e per questo abbiamo eliminato le commissioni di cambio anche per chi modifica la propria prenotazione online nella sezione 'Gestione prenotazionì. Raccomandiamo vivamente ai nostri clienti di verificare lo stato del proprio volo e di gestire la propria prenotazione online autonomamente, a causa dello straordinario volume di chiamate di questo periodo. Tutti i passeggeri non impattati direttamente dalle ultime restrizioni possono modificare online la propria prenotazione senza incorrere alcuna penale entro 14 giorni della partenza». Alitalia fa sapere che i passeggeri in possesso di un biglietto per voli da/per Londra possono in alternativa avere: la modifica della prenotazione senza integrazione tariffaria (entro la data di partenza prevista del volo cancellato o del volo già offerto come ri-protezione da Alitalia), un cambio della prenotazione (con eventuale integrazione tariffaria, per viaggiare entro un anno dalla data del volo cancellato); un buono di importo pari al valore del biglietto acquistato o del suo valore residuo, maggiorato di 15 euro in caso di impossibilità di riprotezione o di indisponibilità ad accettare la proposta di re-booking, re-routing o cambio di destinazione; il rimborso del biglietto acquistato o del suo valore residuo.
Anche Ryanair offre ai clienti soluzioni alternative disponibili, inclusi i cambi data gratuiti (senza commissione) o rimborsi se lo desiderano. «Nel caso di tutti gli altri collegamenti da/per il Regno Unito che potranno rimanere attivi, Ryanair - precisa la low cost irlandese - opererà questi voli per facilitare tutti i passeggeri che devono viaggiare per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e sono prenotati o desiderano spostare la propria prenotazione su uno di questi voli. Se tali passeggeri (prenotati su voli operativi) non desiderano viaggiare nei prossimi 5 giorni prima di Natale, Ryanair agevolerà il cambio gratuito della loro prenotazione (senza costi di modifica) per qualsiasi data fino al 15 marzo». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA