Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Covid, al via vaccinazioni in parrocchie siciliane: 5.867 i prenotati

Di Redazione

PALERMO - Sono cominciate alle 8 le vaccinazioni anti-covid nelle 300 parrocchie in Sicilia. Sono 5.867 i cittadini, della fascia dai 69 ai 79 anni, che si sono prenotati rispondendo all’iniziativa prevista dal protocollo d’intesa siglato tra il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, e la Conferenza episcopale siciliana e che prevede l’utilizzo dei locali delle parrocchie siciliane come "punto vaccinale di popolazione". Lo scopo dell’intesa è di accelerare la campagna di immunizzazione coinvolgendo anche strutture non convenzionali per raggiungere più facilmente le fasce di popolazione anziana. I punti vaccinali presso le parrocchie saranno operativi ininterrottamente fino alle 18.30. Nelle parrocchie di Palermo e Provincia dovrebbero essere vaccinate 1.339 persone, 716 solo nel capoluogo. Anche nella cattedrale di Palermo è stato allestito un centro vaccinale. E quasi nessuna fila si sta verificando davanti le parrocchie-hub a Palermo. In via Sciuti nella chiesa San Michele Arcangelo una decina di persone attende il proprio turno e alcuni anziani sono seduti davanti l’ingresso. «Non ci sono stati problemi di rilievo - dice un addetto nella chiesa di via Nicolò Garzilli - finora sono arrivate una ventina di persone che erano prenotate». Alla cappella de Soledad, vicino la Cattedrale di Palermo accanto alla questura, ci sono una decina di persone in attesa: oggi lì saranno vaccinati in 78. 

Pubblicità

«E' una iniziativa, finora unica in Italia - afferma il presidente della Regione, Nello Musumeci - che ha valore etico oltre che pratico e raggiunge direttamente i siciliani che desiderano vaccinarsi  mentre partecipano alle celebrazioni Pasquali, nella giornata del Sabato Santo. Sin da quando il governo nazionale ha reso disponibili le prime dosi di vaccino per i siciliani, ogni nostro sforzo è stato rivolto a far sì che la campagna vaccinale potesse coinvolgere il maggior numero di persone».

In ogni centro è presente un medico, un infermiere e un amministrativo per compilare i moduli. Nel protocollo è inclusa la dichiarazione di esonero della parrocchia da ogni forma di responsabilità in caso di conseguenze direttamente riconducibili agli effetti sanitari della somministrazione del vaccino. Nella tabella di sotto tutti i centri coinvolti a Catania e provincia:

E sempre oggi in Sicilia il corriere espresso Sda di Poste Italiane sta provvedendo in queste ore alla consegna di 105 mila vaccini Astrazeneca. Le ultime consegne sono destinate alle farmacie ospedaliere di Giarre (23.100), Milazzo (13.000), Enna (3.400), Palermo (26.000), Erice Casa Santa (9.000), Siracusa (8.300), Ragusa (6.700), Augusta (1.000), Agrigento (9.000), e Caltanissetta (5.500). Salgono così a circa 400 mila le dosi anti-Covid recapitate da Sda nei centri dell’Isola dall’inizio delle forniture. Entro Pasqua il corriere di Poste Italiane gestirà oltre 3 milioni 100 mila forniture su tutto il territorio nazionale. Poste Italiane ricorda che la dose vaccinale è prenotabile dai cittadini rientranti nei target interessati attraverso i consueti canali messi a disposizione dall’azienda: la piattaforma prenotazioni.vaccinicovid.gov.it, il call center dedicato - telefonando al numero verde 800.009.966 attivo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18 (esclusi sabato e festivi) -, i 687 sportelli ATM Postamat e attraverso la rete dei 2.300 portalettere operanti sull'Isola. Resta inteso che le prenotazioni sono subordinate alle disponibilità di slot stabiliti dai centri vaccinali. Qualora in fase di richiesta non fosse possibile procedere, si consiglia di riprovare nei giorni successivi ovvero quando le istituzioni comunicheranno nuove disponibilità. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: