Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Covid, Orlando: «A Palermo più che zona rossa è stato rosa pallido»

Di Redazione

Palermo -"Non c'è stata zona rossa, è stato un rosa pallido. Occorre indirizzare tutte le energie e le risorse per spingere quella minoranza di italiani che non rispettano le regole individuali a rispettarle per il bene proprio e della collettività. Il sistema del lockdown era un sistema diverso, lì era facile fare i controlli. La storia dei colori sembra un concorso a premi: sei bravo se sei giallo, non sei bravo se sei rosso. Bisogna capire che non è un concorso a premi". Così il sindaco di Palermo Leoluca Orlando intervenendo alla trasmissione "L'Italia s'è desta" su Radio Cusano Campus.

Pubblicità

"Dopo il mio appello ho ricevuto un grande numero di consensi, questo fa capire che è una minoranza che non rispetta le regole, che ordina 40 pizze a casa - aggiunge -. Non si è interiorizzata la circostanza che ci sono stati 120mila morti, è come se non ce ne rendessimo conto. Altra cosa riguarda la parte economica: abbiamo chiesto al governo che ci sia un intervento non più di ristori tardivi e inadeguati, bisogna eliminare i costi fissi per aiutare le imprese, perché quando finirà la cig ci saranno milioni di disoccupati".

"Centoventimila morti sono già una strage. Noi stiamo qui a discutere apertura sì o apertura no, ma se non si rispettano le regole elementari non si va da nessuna parte. Come si fa a controllare con questo sistema a maglie larghe? L'incoscienza di una minoranza ha già prodotto una strage. Siamo il Paese in Europa con più morti", continua Orlando. Oggi per il capoluogo siciliano potrebbe essere l’ultimo giorno di zona rossa. "Continuare questo balletto non serve - aggiunge - bisogna che i media martellino i cittadini, facciano comprendere alle persone che non devono nascondersi dietro l’alibi che non ci sono controlli, perché non si possono controllare 60 milioni di persone. L’altro giorno a Palermo sono state ordinate 40 pizze dalla stessa persona, è difficile che fossero tutte per lui e per la sua famiglia".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: