home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ignazio Cutrò: «Lo Stato mi ha abbandonato, mi tolgono la protezione»

La denuncia del testimone di giustizia di Bivona che con le sue denunce ha fatto arrestare e condannare boss e gregari della cosca della zua zona: «Ora non mi resta che pregare per me e la mia famiglia»

Ignazio Cutrò: «Lo Stato mi ha abbandonato, mi tolgono la protezione»

Ignazio Cutrò

"Da domani io e la mia famiglia non avremo più la protezione da parte dello Stato. Eppure appena due mesi fa un boss è stato intercettato mentre parlava di me e dei fastidi che ho provocato alla  mafia locale. Da domani io sarò con una normale autovettura senza vetri blindati, della quale a questo punto potrei probabilmente farne a meno. 
Eppure alcune settimane fa sono stati scarcerati i soggetti che ho fatto condannare con le mie testimonianze. La mia famiglia, invece, non avrà più alcun tipo di protezione. Da domani verranno anche smontate le  telecamere che consentivano ai carabinieri di videosorvegliare la mia casa. Eppure i carabinieri circa due mesi fa hanno arrestato alcune  persone che - intercettate - dicevano: "Appena lo Stato si stanca... che gli toglie la scorta poi vedi che poi...”.

E' questa la denuncia di Ignazio Cutrò, testimone di giustizia, l'imprenditore di Bivona che con le sue denunce ha fatto condannare i boss e i gregari della cosca del suo paese.

"Da domani - ha aggiunto - non ci sarà più la protezione che avevamo io e la mia famiglia perché secondo l'Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale del Ministero dell'Interno ed il Comitato provinciale per l'ordine e la 
sicurezza, che fa capo alla Prefettura di Agrigento, io non sono più in pericolo di vita. Eppure le intercettazioni sono state pubblicate poco tempo fa. Eppure le scarcerazioni sono avvenute poche settimane fa. Che messaggio vuole mandare lo Stato con questa decisione? Il Comitato, ancor prima di me, conosceva il contenuto di quelle intercettazioni. Sono stati i carabinieri ad intercettare due persone mentre dicevano "Appena lo Stato si stanca... che gli toglie la scorta poi vedi che  poi...”. Ma oggi lo Stato mi ha abbandonato su quel ring. E non mi resta che attendere e pregare, per me e la mia 
famiglia".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • enzo1361

    09 Aprile 2018 - 18:06

    Come fa lo stato a stabilire che un testimone di giustizia non è più in pericolo di vita?O forse il pericolo finisce quando uno di loro non serve più.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa