home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pozzallo, costretto dai trafficanti a fare li scafista: denunciato

Si tratta di un ivoriano che ha condotto il barcone soccorso da Sos Mediterranee: il "vero" scafista libico si è tuffato in mare prima di chiamare i soccorsi e si è dato alla fuga su un peschereccio

Pozzallo, costretto dia trafficanti a fare li scafista: denunciato

La polizia ha individuato lo scafista del gommone con a bordo 158 migranti soccorsi dalla nave Acquarius, di Sos Mediterranee con a bordo personale di Medici senza frontiere, arrivata ieri a Pozzallo, nel Ragusano.

E' un ivoriano costretto a prendere il timone da un trafficante libico che aveva condotto il gommone e si è poi tuffato in mare per farsi recuperare da complici su un peschereccio. Per questo l'ivoriano non è stato fermato dalla squadra mobile di Ragusa, ma soltanto denunciato alla Procura. I migranti hanno pagato 1.500 euro per raggiungere l’Europa dopo diversi mesi passati nelle connection house libiche.

Sono al momento 15 gli scafisti fermati nel 2018 per sbarchi nel Ragusano. Nell’Hot-spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 2.231 migranti in occasione di 15 approdi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa