home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Montante si difende davanti al Riesame: «Non ho distrutto alcuna pen drive»

L'ex presidente di Sicindustria finito in carcere perché secondo la Procura cercava di inquinare le prove durante la sua detenzione ai domiciliari ha respinto le accuse

Montante si difende davanti il Riesame: «Non ho distrutto nessuna pen drive»

Le pen drive distrutte

Antonello Montante, l’imprenditore di Serradifalco finito nell’inchiesta coordinata dai magistrati della Dda Nissena, si è difeso dall’accusa di avere cercato di inquinare le prove a seguito del suo arresto.

Nella tarda mattinata, assistito dai suoi legali, gli avvocati Nino Caleca e Giuseppe Panepinto, Montante si è presentato davanti ai giudici del Tribunale del Riesame di Caltanissetta. Ai togati l’ex presidente di Sicindustria ha ribadito, come già era accaduto nell’interrogatorio di garanzia, di non avere distrutto le pen drive rinvenute all’interno di uno zainetto e di una borsa nel corso di una perquisizione effettuata nei momenti successivi all’arresto, nella sua abitazione milanese.

Sull'episodio si è difeso affermando di avere distrutto le "chiavette", in quanto difettose, in periodi precedenti alla notte dell’arresto. Montante ha quindi sostenuto la propria estraneità ai fatti contestati. Gli avvocati hanno pertanto avanzato l’istanza di libertà o in subordine la concessione degli arresti domiciliari. I giudici decideranno entro le prossime 48 ore.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa