home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La Procura generale: «Concorso esterno, confermare l’assoluzione di Lombardo»

Anche in Cassazione l’accusa ha chiesto di confermare la sentenza della Corte d’appello di Catania

La Procura generale: «Concorso esterno, confermare l’assoluzione di Lombardo»

Raffaele Lombardo

Il sostituto procuratore generale di Roma, Stefano Tocci, ha chiesto ai giudici della 2ª sezione della Corte di Cassazione (presidente dottoressa Cammino) la conferma dell’assoluzione dal concorso esterno all’associazione mafiosa decisa nella primavera del 2017, dai giudici della 3ª sezione della Corte d’appello di Catania (presidente Tiziana Carrubba) per l’ex presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo. Contro questa sentenza aveva avanzato ricorso la Procura generale etnea.

Lo stesso Pg ha chiesto l’inammissibilità di detto ricorso (peraltro evidenziata nell’istanza presentata dai difensori) per la scadenza dei termini utili alla presentazione (pare perché arrivata in cancelleria circa trequarti d’ora dopo la chiusura dell’ufficio). Inoltre il rappresentante dell’accusa ha chiesto ai giudici l’annullamento (con rinvio ad altra sezione d’appello) della condanna a due anni (pena sospesa) inflitta dai giudici di 2° grado per voto di scambio aggravato dal metodo mafioso, ma non con i caratteri dell’intimidazione, della violenza o dell’omertà. Contro questa decisione era stato avanzato il ricorso dai legali di Lombardo, avvocati Alessandro Benedetti e Filippo Dinacci.

Il processo all’ex governatore siciliano si è celebrato con il rito abbreviato. L’ex presidente della Regione, fondatore del movimento per l’autonomia (Mpa), in primo grado era stato condannato a 6 anni e otto mesi proprio per il concorso esterno all’associazione mafiosa. Dallo stesso fascicolo e per gli stessi reati contestati all’ex presidente, è in corso con il rito ordinario il processo anche ad Angelo Lombardo, fratello di Raffaele e il cui dibattimento è ancora nella fase istruttoria.

La decisione dei giudici di Cassazione, dopo l’udienza di ieri mattina, è attesa per il mese di settembre.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa