home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Tentano estorsione ad un cantiere di Malvagna: scattano due arresti

I carabinieri bloccano a Castiglione di Sicilia il 25enne Rosario Russo e in Germania il 36enne Francesco Confalone, entrambi considerati «elementi di spicco del clan Ragaglia-Sangani affiliato alla consorteria Laudani»

Tentano estorsione ad un cantiere di Malvagna: scattano due arresti

MESSINA - Due persone sono state arrestate da carabinieri, una a Castiglione di Sicilia (Catania) e l'altra nella Repubblica Federale Tedesca attraverso il coinvolgimento dei canali di cooperazione internazionale di polizia: in carcere sono finiti Rosario Russo, 25enne di Castiglione di Sicilia, e Francesco Confalone di 36 anni di Malvagna (Messina), ma residente in Germania, entrambi considerati «elementi di spicco del clan Ragaglia-Sangani affiliato alla consorteria Laudani ed egemone nella frazione nord-orientale dell’area sub-etnea».

Il provvedimento cautelare è scaturito da una complessa attività d’indagine, convenzionalmente denominata “Porto franco", svolta dai carabinieri della Compagnia di Taormina attraverso l’utilizzo di intercettazioni telefoniche ed ambientali, che hanno «permesso di riscontrare un grave quadro indiziario, nel quale i soggetti citati emergono come responsabili di tentata estorsione con l’aggravante del metodo mafioso».

Le indagini hanno preso origine da una denuncia, sporta nel febbraio 2016 nella Stazione Carabinieri di Malvagna (Messina), dal responsabile di cantiere della società di Paternò (Catania) che si era aggiudicata l'appalto pubblico (per un importo di 630.332,36 euro) relativo ai lavori di completamento della circonvallazione del centro abitato di Malvagna. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa