home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Termini Imerese, rifiutano un certificato, aggrediti due medici

Un uomo pretendeva senza averne diritto una attestazione: al no dei due, addetti al servizio di medicina legale e fiscale, è scattata la violenza. I due professionisti sono stati portati al pronto soccorso

Termini Imerese, rifiutano un certificato, aggrediti due medici

Due medici del servizio di medicina legale e fiscale del distretto di Termini Imerese sono stati aggrediti da un utente. Il Commissario dell’Asp di Palermo, Antonio Candela ha annunciato «supporto in tutte le sedi competenti e massima solidarietà» ai due sanitari spiegando che l’Azienda si costituirà «parte civile in un eventuale procedimento a carico di chi si è reso colpevole della vile aggressione. Diciamo con fermezza basta alla violenza e basta a chi pretende con la forza e la sopraffazione di avere ciò di cui non ha diritto».

L’aggressione è avvenuta questa mattina, poco dopo le 10.30, all’interno del servizio di medicina legale e fiscale. Un utente, che pretendeva, senza averne diritto, un certificato ha prima minacciato e poi aggredito due medici colpendoli violentemente alla presenza di una impiegata amministrativa che ha dato subito l’allarme chiamando i carabinieri ed il 118. I medici sono stati immediatamente soccorsi e trasportati in ambulanza al Pronto Soccorso dell’Ospedale "Cimino" di Termini Imerese. Anche la dipendente amministrativa, in evidente stato di choc, è stata costretta a fare ricorso alle cure dei sanitari.

Desolante ed eloquente è stata la scena che si è presentata ai primi colleghi che si sono recati nella stanza con scrivanie spostate, sedie divelte, documenti sparsi per terra e macchie di sangue sulle sedie.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa