home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Minacce al giornalista Borrometi, boss condannato a un anno e 6 mesi

Sentenza del Tribunale di Ragusa: per Venerando Lauretta l’aggravante del metodo mafioso. Il cronista: «Una bellissima giornata per la libertà di stampa».

Minacce al giornalista Borrometi, boss condannato a un anno e 6 mesi

RAGUSA - Il Tribunale di Ragusa ha condannato il boss Venerando Lauretta a un anno e sei mesi per minacce, con l’aggravante del metodo mafioso, nei confronti del giornalista Paolo Borrometi. Disposti risarcimenti da liquidarsi in separata sede per le parti civili, e pagamento delle spese per ogni patrocinatore per 1.500 euro ciascuna oltre accessori.

«Oggi penso che sia una bellissima giornata per la libertà di stampa - ha commentato Borrometi -. La condanna del boss Lauretta, che segue quella di Francesco De Carolis e di Giambattista Ventura, rappresenta la testimonianza che nessun clan e nessun boss mafioso può rimanere impunito quando minaccia un giornalista. Ritengo che la condanna, riconosciuta anche l'aggravante mafiosa, così come era accaduto per il siracusano De Carolis, sia un precedente importante e che costituisca la vera vittoria non tanto mia ma di tutti i cittadini che tramite i miei articoli e quelli dei tanti colleghi che vengono minacciati ogni giorno, hanno la libertà di essere informati». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa