home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il rettore dell'Università di Catania neo presidente dei chirurghi italiani

Al professore Francesco Basile le congratulazioni, tra gli altri, dell'assessore regionale alla Salute Razza e del sindaco Pogliese

Il rettore dell'Università di Catania neo presidente dei chirurghi italiani

Francesco Basile, rettore dell’Università di Catania, è stato eletto alla alla guida della Società italiana di chirurgia. «Oltre a essere un meritato riconoscimento al docente e al professionista, rappresenta certamente un motivo di orgoglio per l’universo medico siciliano» dice l'assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, che al rettore porge «i migliori auguri di buon lavoro».

E complimenti arrivano anche dal sindaco di Catania, Salvo Pogliese, che afferma: ««Il nuovo prestigioso incarico conferito al professore Francesco Basile, rettore dell’Università, a cui vanno le congratulazioni mie personali e della Giunta, è il riconoscimento a una brillante carriera di chirurgo e docente ma anche all'eccellenza della scuola di chirurgia del nostro Ateneo e di tanti altri medici che promuovono una sanità di qualità nel territorio di Catania e della sua provincia». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 6
  • Urologo

    16 Ottobre 2018 - 20:08

    È come se si desse un premio per la migliore produzione di datteri a un norvegese. Chiedo come si fa a premiare degli universitari che fanno la loro attività in una regione dove c'è una altissima fuga di pazienti per operarsi in regioni del nord italia, lo sappiamo bene che gli aerei sono pieni di malati chirurgici. A Catania non c'è alcun insegnamento per chi vuole specializzarsi in una specialità chirurgica anche perche non capisco chi sia in grado di insegnare. Mi piacerebbe vedere la casistica operatoria di questi professori e vorrei anche vedere come sono andati a finire i loro interventi. Io mi ricordo ancora un intervento fatto circa 32 anni fa si trattava di una duodenocefalopancreasectomia in un giovane di 45 anni il paziente morì a causa di una complicanza emorragica al Vittorio Emanuele di Catania. Prima di lodarsi è meglio riflettere sugli errori che fate. Chi si loda si imbroda.

    Rispondi

  • Urologo

    16 Ottobre 2018 - 20:08

    È come se si desse un premio per la migliore produzione di datteri a un norvegese. Chiedo come si fa a premiare degli universitari che fanno la loro attività in una regione dove c'è una altissima fuga di pazienti per operarsi in regioni del nord italia, lo sappiamo bene che gli aerei sono pieni di malati chirurgici. A Catania non c'è alcun insegnamento per chi vuole specializzarsi in una specialità chirurgica anche perche non capisco chi sia in grado di insegnare. Mi piacerebbe vedere la casistica operatoria di questi professori e vorrei anche vedere come sono andati a finire i loro interventi. Io mi ricordo ancora un intervento fatto circa 32 anni fa si trattava di una duodenocefalopancreasectomia in un giovane di 45 anni il paziente morì a causa di una complicanza emorragica al Vittorio Emanuele di Catania. Prima di lodarsi è meglio riflettere sugli errori che fate. Chi si loda si imbroda.

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa