home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Aeroporti, la "rotta" di Musumeci: fusione dei 6 scali e solo 2 gestori

A Bruxelles incontro del governatore con il presidente del Parlamento europeo, Tajani: «Abbiamo concordato l’opportunità di proporre l’unificazione in due sole società di gestione dei sei aerostazioni dell’Isola»

Aeroporti, la "rotta" di Musumeci: fusione dei 6 scali e solo 2 gestori

BRUXELLES - «Con il presidente» Tajani «abbiamo concordato l’opportunità di proporre l’unificazione in due sole società di gestione dei sei aeroporti dell’Isola, due dei quali - Lampedusa e Pantelleria - usufruiscono delle tratte sociali»: lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, dopo l’incontro svoltosi oggi a Bruxelles con il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. «Se questo avvenisse anche per l’Isola madre - ha aggiunto il governatore della Sicilia - sarebbe davvero una grande opportunità».

Durante l’incontro, ha spiegato Musumeci, «abbiamo affrontato i temi legati allo sviluppo della Sicilia e quindi del Mezzogiorno d’Italia, un’area che non ha bisogno di assistenzialismo e di elemosina», ma di «pari opportunità per essere competitiva nel contesto euro-afro-asiatico».

Il governatore della Sicilia ha poi «salutato con piacere l'ipotesi avanzata dal presidente Tajani di proporre la costruzione di un fondo con copiose risorse per affrontare» nel Mezzogiorno «la mancanza di medie e grandi infrastrutture». «Voglio davvero sperare - ha auspicato Musumeci - che la Commissione vorrà esaminare con la necessaria disponibilità d’animo una proposta che sarebbe davvero rivoluzionaria».

Incontro poi anche con il commissario europeo per le Politiche regionali Corina Cretu, «la quale ha espresso apprezzamento - prosegue una nota - per lo sforzo che la Regione ha fatto, negli ultimi mesi, per recuperare il ritardo accumulato in passato, nella certificazione della spesa comunitaria nell’Isola. Spesa che entro il 31 dicembre 2018 dovrà raggiungere il target fissato proprio dalla Commissione di Bruxelles. La Cretu ha anche assicurato di voler tornare in Sicilia a tre anni dalla sua ultima visita, prevedendo di inserire in calendario una tappa per il prossimo mese di febbraio». La commissaria europea «si è detta disponibile ad accogliere la proposta del presidente della Regione di accettare la riprogrammazione del Po Fesr 2014/20 e l’accettazione delle schede dei «Grandi progetti» riguardanti, in particolare, l'autostrada Caltanissetta-Agrigento, il passante ferroviario di Palermo e l’ulteriore tratta Stesicoro-aeroporto di Catania della Ferrovia circumetnea». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa