Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

"Caro" aerei e in aggiunta il salasso-bagagli

Di Daniele Ditta

PALERMO - L’ultima compagnia aerea a “capitolare”, tre anni or sono, è stata l’Alitalia. Che alla fine, sulla policy bagagli, si è adeguata alle low cost. La formula tutto incluso (biglietto con valigia) è stata così mandata in soffitta, per fare spazio a quella scorporata: ovvero un supplemento per il bagaglio da stiva in aggiunta al costo del viaggio.

Pubblicità

In un mercato nel quale ormai le low cost dettano legge, oggi è raro trovare una compagnia di bandiera che proponga ai passeggeri una politica tariffaria diversa. Il trasporto delle valigie è diventato infatti un segmento a parte, in grado di far lievitare le entrare dei vettori aerei. Perché non approfittarne?

Questa storia dei bagagli è paradigmatica di un potere contrattuale sempre più sbilanciato verso le compagnie, soprattutto low cost. Per i passeggeri ce n’è sempre una: le novità che incidono sul costo finale del biglietto si susseguono a rotazione continua, quasi sempre senza adeguato preavviso. Dall'oggi al domani. Tanto da mettere in difficoltà pure le agenzie di viaggi e i tour operator.

Ryanair e Wizz Air hanno tirato un po’ troppo la corda, imponendo un sovrapprezzo (da 6 a 10 euro a seconda della tratta) anche sui bagagli a mano di dieci chilogrammi. Con la sospensione in via cautelare della nuova policy decisa dall'Antitrust, che sarebbe entrata in vigore ieri, è stata arginata l’ennesima vessazione a carico dei passeggeri ed inoltre si sono accesi i riflettori su ciò che le associazioni dei consumatori non esitano a definire delle vere e proprie speculazioni.

Ma quanto costa portarsi dietro un bagaglio quando si viaggia in aereo? E quali sono le limitazioni imposte ai passeggeri sulle valigie? Basta fare alcune simulazioni con i principali vettori che operano negli aeroporti siciliani per avere contezza dei numeri. In sostanza, di quanto è necessario sborsare. Partiamo sempre da Alitalia. Fino a tre anni fa nel biglietto era incluso un bagaglio da stiva di 23 chilogrammi, a prescindere dalla destinazione. Dopodiché la compagnia di bandiera – che potrebbe essere acquistata dal gruppo Ferrovie dello Stato (anche EasyJet e l’americana Delta Air Lines sono interessate) – è passata alla tariffa “light”: soltanto il bagaglio a mano incluso nel prezzo del biglietto. “Light” per modo di dire, visto che per i siciliani viaggiare con Alitalia è nella maggior parte dei casi un salasso. A bordo degli aerei è possibile portare gratuitamente un bagaglio a mano fino a 8 chili; mentre quello da stivare (massimo 23 chili) ha un costo che di norma parte da 25 euro a tratta.

Blue Air invece permette il trasporto gratuito di un trolley fino a 10 chili al seguito del passeggero. La valigia da consegnare al banco dei check-in, invece, è quotata da 19 euro a salire, a seconda di quanto pesa (fino a 20 chili o 32 chili). Più alte le tariffe di EasyJet, che fa pagare anche 35 euro per un bagaglio di 23 chili. Con Volotea si scende a 12 euro (cifra minima), mentre a bordo dell’aereo si può salire con un trolley più una borsetta senza costi aggiuntivi: a patto, però, che non si superino complessivamente i 10 chilogrammi. Vueling, low cost della Iberia, consente il trasporto di un bagaglio a mano di 10 chili senza oneri oltre il biglietto e per stivarne uno da 23 chili chiede una somma minima di 13 euro.

Con Wizzair una valigia da stiva di 20 chili è quotata 25 euro; per una che pensa fino a un massimo di 32 chili la cifra sale a 38 euro. Dopo lo stop dell’Antitrust, sarà possibile continuare a portare un bagaglio a mano standard (10 chili). Idem per Ryanair, che dà la possibilità ai passeggeri d’imbarcarsi anche con una piccola borsa in più. La compagnia irlandese permette ai viaggiatori di stivare bagagli non superiori ai 20 chilogrammi. Il costo? Non meno di 15 euro, con oscillazioni all'insù a seconda della tratta da effettuare. Le agenzie di viaggi raccomandano di acquistare la valigia contestualmente al biglietto d’aereo per non incappare in un aumento della tariffa. Chi compra il bagaglio dopo l’emissione del ticket rischia infatti di pagarlo qualche decina di euro in più.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: