home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Scuola fantasma sfornava diplomati e ora a rischio finti studenti siciliani

Inchiesta della Procura di Enna svela istituto parificato, con base a Pietraperzia e due sedi non ufficiali a Nicosia e in un Comune etneo, in cui tutto - dalle presenze sui registri di classe, alle prove scritte ed orali, fino agli scrutini - era falso. E potrebbero ritrovarsi travolte centinaia di persone che hanno conseguito i diplomi

Scuola fantasma sfornava diplomati e ora a rischio finti studenti siciliani

ENNA - Una vera e propria scuola fantasma che sfornava decine di diplomati all'anno. Tutto falso, dalle presenze sui registri di classe, alle prove scritte ed orali, fino agli scrutini. Inchiesta della Procura di Enna e dei carabinieri del comando provinciale dell’Arma, che ha preso le mosse da un esposto, ha svelato che almeno 50 iscritti che avrebbero dovuto frequentare la scuola parificata «Aurora» di Pietraperzia, non avrebbero mai assistito ad una sola lezione.

L’indagine ha messo sotto la lente d’ingrandimento l’anno scolastico 2016-2017. Le telecamere degli investigatori, insieme agli appostamenti effettuati alla sede di Pietraperzia (Enna) e alle ammissioni degli «studenti» che avrebbero dovuto frequentare in due sedi non ufficiali, a Nicosia (Enna) e in un Comune etneo, hanno confermato che a scuola non ci andava proprio nessuno. Il Gip del tribunale di Enna ha accolto le richieste di misure interdittive del pm Romano per gli indagati, accusati di falso in atto pubblico commesso nella veste di pubblico ufficiale, tra i quali anche un assessore comunale in carica a Nicosia, Giuseppe Castello, 47 anni.

Le misure disposte sono l'interdizione per un anno da qualunque attività o ufficio connesso alla scuola ed all'insegnamento per i responsabili dell’istituto Giuseppe Castello, Rosa Catalano, 74 anni di Catania e per la preside dell’istituto Anna Sorriso Valvo, 70 anni. Interdizione per due mesi per 4 docenti di Barrafranca (Enna), Roccella Valdemone (Messina), Calascibetta (Enna) e Riesi (Caltanissetta) della scuola. Hanno ammesso le responsabilità, avanzando la richiesta di patteggiamento della pena due professoresse, anche loro indagate, per le quali non è stata emessa la misura di interdizione. Un vero e proprio "diplomificio" che avrebbe permesso agli studenti di avere il titolo senza avere frequentato e sostenuto alcuna prova.

Tutti gli atti sono stati trasmessi dalla Procura al ministero dell’Istruzione. L’inchiesta potrebbe travolgere le centinaia di persone che hanno conseguito i diplomi. La scuola è attualmente chiusa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa