home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

L'eritrea insultata dalle altre mamme, il vescovo di Ragusa: «Chiedo scusa»

Monsignor Cuttitta nell'omelia durante una concelebrazione in Cattedrale: «L’umanità non ha colore, perché siamo tutti figli dello stesso Padre, perché non possiamo professarci cristiani e poi assumere comportamenti che negano il Vangelo»

L'eritrea insultata dalle altre mamme, il vescovo di Ragusa: «Chiedo scusa»

«Come vescovo di Ragusa, quanto accaduto in Neonatologia mi induce a chiedere scusa perché ad agire sono stati ragusani, sicuramente battezzati che magari si professano cristiani. E allora spetta anche al vescovo chiedere scusa perché l’umanità non ha colore, perché siamo tutti figli dello stesso Padre, perché non possiamo professarci cristiani e poi assumere comportamenti che negano il Vangelo».

E' quanto detto monsignor Carmelo Cuttitta concludendo l’omelia della solenne concelebrazione in cattedrale in occasione del terzo anniversario del suo ingresso in Diocesi, sull'episodio di intolleranza in ospedale nei confronti di una migrante eritrea che era andata a trovare il figlio di 15 giorni in neonatologia.

«Viviamo in un clima di crescente insofferenza - ha aggiunto - alimentato anche da una politica che mira a dividere, a creare allarmi e genera paura e su questa paura e su un linguaggio e su atteggiamenti spregiudicati fonda la sua capacità di accrescere i consensi. Quanto accaduto è un figlio di questo clima che vuol negare valori come l’accoglienza e la solidarietà e vuol privare a una consistente parte di umanità anche il diritto al futuro e alla speranza».

«Questa donna, mamma di un bambino appena nato, si era avvicinata - ha ricordato il vescovo - ed è stata allontanata in malo modo. Non possiamo rimanere inerti quando ne va di mezzo la vita degli altri e i disagi degli altri. Ecco cari fratelli e sorelle guardiamo attorno a noi, scopriamo tutto ciò che c'è da scoprire e sbracciamoci e lavoriamo perché - ha concluso monsignor Cuttitta - in questo mondo siamo tutti fratelli e sorelle e tutti veniamo dallo stesso Dio».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • ASTOLFO

    29 Novembre 2018 - 18:06

    Che essere cristiani e battezzati non conta nulla è cosa che S.E. dovrebbe sapere benissimo, considerato quanti cristiani e battezzati si comportano da barbari, e peggio, compresi - a quanto pare - alcuni preti, che sono non solo cristiani e battezzati, ma anche consacrati. Ciò detto, non è dato sapere quale sia stato in concreto il comportamento disdicevole che S.E. rimprovera alle degenti del reparto neonatologia. Forse sarebbe corretto esporre i fatti precisi perché, altrimenti, resta un'accusa incomprensibile. Sarà anche vero che siamo tutti fratelli e sorelle e tutto il resto, ma se non si sa che cosa e come è successo, ed il contesto completo, resta solo un'accusa di "razzismo" solo per seguire la moda del momento. Per la verità, sembra inverosimile che le mamme si siano lanciate in insulti gratuiti alla migrante solo perché eritrea.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa