home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Bufera Riscossione, gli indagati al telefono: «Una vita di sacrifici... »

L'avvocato Rizzo aveva ricompensato uno dei dipendenti infedeli comprandogli i televisori e i condizionatori per il B&B

Bufera Riscossione, gli indagati al telefono: «Una vita di sacrifici... »

Nelle intercettazioni agli atti dell’inchiesta Gancio ci sono le conversazioni tra l’avvocato Sergio Rizzo, ex dirigente della Serit che dopo la pensione si è dedicato alla professione forense “assistendo” soprattutto coloro che avevano problemi con il Fisco e sfruttando la sua rete di amicizie all’interno degli uffici. E lui insieme al figlio Settimo Daniele ricompensava i favori pagando anche 50 euro per ogni singola informazione ottenuta aggirando i regolamenti.

E in un caso a Rosario Malizia, il dipendente di Riscossione ora sospeso dal gip di Catania per tre mesi, ha acquistato i televisori e i condizionatori per il B&B aperto da un parente. E i finanzieri sentono Malizia al telefono: «E’ il minimo potesse fare – dice al telefono parlando di Rizzo – dopo una vita di sacrifici. Anni di sacrifici di notte, di giorno, con l’acqua e con la neve». I finanzieri intercettano anche un altro dipendente infedele di Riscossione. Si tratta di Giovanni Musmeci che commenta un posto di lavoro ottenuto da un suo parente sempre grazie all’avvocato Rizzo. Faceva un tirocinio di 4 ore ma ne certificava sei. «Il miracolo lo ha fatto nel senso che, piuttosto che due anni, il tutto si riduce a un anno».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP