home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Riciclaggio Italia-Croazia: nei guai professionisti e imprenditori catanesi

La Guardia di Finanza sequestra 10 milioni di euro, sospese 4 società commerciali nazionali e croate

Riciclaggio Italia-Croazia: nei guai professioni e imprenditori catanesi

CATANIA - Militari della Guardia di Finanza di Catania hanno arrestato una persona e notificato 9 misure interdittive nell'ambito di un’inchiesta della locale Procura distrettuale su bancarotte sull'asse Italia-Croazia. Nei loro confronti il Gip ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare che ipotizza, a vario titolo, i reati di bancarotte fraudolente, patrimoniali e documentali, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, autoriciclaggio e riciclaggio.

Le Fiamme gialle stanno anche eseguendo sequestri per equivalente per oltre 10 milioni di euro e notificando l’interdizione dell’esercizio dell’attività d’impresa per la durata di un anno a 4 società commerciali nazionali e croate (FOOD & CATERING s.r.l., attiva nella ristorazione con sede a Melilli, Siracusa; URBANISTIKA J.D.O.O., attiva nel settore delle costruzioni avente la sede legale a Pula in Croazia; M.A.S. s.r.l. e la M.A. MANAGEMENT D.O.O., entrambe operanti nel lavaggio industriale, la prima con sede a Catania e la seconda in Croazia).

Tra le persone destinatarie delle misure cautelari ci sono due professionisti catanesi e otto imprenditori, alcuni dei quali già noti alle cronache giudiziarie. Il ruolo di regia è stato assunto da alcuni professionisti (avvocati, dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti e broker esteri) abili nel delocalizzare all’estero imprese caratterizzate da manifesti squilibri finanziari, con l’unico scopo di trasferirne il patrimonio immunizzandolo così da azioni esecutive erariali. In particolare, il trasferimento di sede in Gran Bretagna e Croazia serviva a far perdere le tracce dell’effettiva proprietà che continuava a operare in Italia, con gli stessi asset patrimoniali sottratti alle procedure esecutive, attraverso apparenti nuove società affidate all'amministrazione di prestanome.

La cerchia di professionisti coinvolta annovera come detto soggetti già noti alle cronache giudiziarie per gli stessi reati. Tra questi l'avvocato Mariolino Leonardi, 55 anni, civilista del Foro di Catania, destinatario della misura cautelare in carcere, e promotore principale delle operazioni societarie straordinarie che consentivano a gruppi d’imprese di sottrarre alla giurisdizione nazionale patrimoni oggetto di bancarotte, reati tributari e riciclaggio.

Leonardi si sarebbe avvalso della collaborazione degli indagati Fabio Castaldi, 54 anni, per il trasferimento delle imprese italiane in Gran Bretagna, e Mario Bariggi, 47 anni, referente per le localizzazioni in Croazia; con entrambi, per incomprensioni professionali, le relazioni commerciali si sono interrotte. Sul territorio nazionale, Leonardi ha collaborato con gli indagati Giuseppe Bentivegna, 58 anni, dottore commercialista e consulente aziendale, destinatario del “divieto temporaneo di esercitare la professione” per un anno e Salvatore Falgares, 53 anni, anch’egli dottore commercialista, nei cui confronti i Finanzieri del Nucleo hanno già eseguito, nell'ottobre del 2018, un decreto di sequestro preventivo di 4 immobili del complessivo valore di oltre 250.000 euro, emesso, su richiesta di questo Ufficio, dal Gip del Tribunale etneo in quanto indagato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • pulsar

    17 Gennaio 2019 - 12:12

    nei guai …….(temporanei)……. professionisti e imprenditori catanesi NEI GUAI ......DEFINITIVI........ MILIONI DI SICILIANI,CHE DA DECENNI NON POSSONO USUFRUIRE DEI SERVIZI PUBBLICI,SOPPRESSI O RIDOTTI A CAUSA DI QUESTE MILIARDARIE EVASIONI FISCALI. ................l’interdizione dell’esercizio dell’attività d’impresa per la durata di un anno …………DOVREBBE ESSERE IMPERITURA. DA......... APPREZZARE..........COMUNQUE L’ALTO SENSO DELL’IGIENE….. (entrambe operanti nel lavaggio industriale)….. E QUELLO ARTISTICO, CON COMPROVATE CAPACITA’ CINEMATOGRAFICHE CONTABILI….(Il ruolo di regia è stato assunto da alcuni professionisti (avvocati, dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti e broker esteri) abili nel delocalizzare all’estero imprese caratterizzate da manifesti squilibri finanziari)………. E LA PROFESSIONALITA’ E LA VASTA ESPERIENZA DECENNALE NEL RAMO ……..(La cerchia di professionisti coinvolta annovera come detto soggetti già noti alle cronache giudiziarie per gli stessi reati)

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP