Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Il Made in Sicily conquista la Cina, l'export dell'Isola cresce del 212%

Di Giuseppe Anastasio

PALERMO - Entro il 2020 il numero di cinesi che utilizzerà internet raggiungerà l’80% della popolazione totale. Il 70% di loro effettuerà acquisti online. È la più grande comunità online del pianeta con circa 800 milioni di utenti, il triplo degli Stati Uniti d’America; una comunità, quella cinese,, che guarda con enorme interesse ai prodotti europei ed è sempre più attratta dal made in Sicily. Basti pensare che, secondo l’Istat, il giro d’affari della Sicilia con la Cina si è attestato, soltanto nei primi tre trimestri del 2018, intorno ai 180 milioni di euro di importazioni e 154 milioni di esportazioni, con un incremento superiore al 212% rispetto al 2017. I settori trainanti per le esportazioni sono: articoli farmaceutici e chimico-medicinali e botanici; componenti elettronici; articoli d’arredamento, marmo e prodotti alimentari. Di questo si è parlato, a Palermo, in occasione del workshop formativo «E-commerce in Cina», organizzato da Sicindustria e dall’EU SME Centre di Pechino, entrambi partner di Enterprise Europe Network, e condotto da Domenico Di Liello, BD Advisor EU SME Centre/EEN Cina.

Pubblicità

«Il cittadino cinese - ha detto in apertura dei lavori Nino Salerno, delegato di Sicindustria/Een per l'internazionalizzazione - riconosce che il consumo interno avrà un ruolo sempre più importante nell'economia. Nel frattempo, i consumatori cinesi, guidati dalla classe media in rapida crescita, sono sempre più orientati su beni provenienti dai paesi europei. Per questo è necessario fornire alle nostre imprese ogni informazione utile sull'e-commerce in Cina, focalizzando l’attenzione sugli strumenti di marketing digitale indispensabili per migliorare la propria strategia di penetrazione commerciale».

«Nel 2020 - ha spiegato Di Liello - più di 290 milioni di consumatori cinesi si rivolgeranno ai canali di cross-border e-commerce (Cbec) per acquistare prodotti online. I motivi sono da ricercare nella richiesta di qualità e di disponibilità dei prodotti e nei regimi cinesi di tassazione agevolata che garantiscono, all'interno di determinati limiti, l’esenzione da dazi doganali e la riduzione dell’Iva e della tassa di consumo. Si tratta di un potenziale che le pmi italiane, e siciliane in maniera particolare, non possono permettersi di perdere, ma che richiede da parte delle imprese un approccio di sistema ancora oggi troppo poco diffuso».

Diversi gli argomenti affrontati durante il workshop: modalità di vendita online; piattaforme di terze parti in Cina; modalità di pagamento; logistica; trend di mercato; comportamento dei consumatori; prodotti più venduti; tendenze digitali della Cina; paesaggio dei social media e utilizzo di Kol, veri e propri influencer, indispensabili in Cina per la promozione del brand.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: