Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania, studente di destra picchiato da antagonisti: zigomo fratturato

Di Redazione

CATANIA - Un giovane studente di un gruppo di destra, E. M., 18 anni, è stato aggredito e colpito con calci e pugni da una ventina di appartenenti a centri antagonisti di sinistra davanti l'istituto scolastico De Felice di Catania mentre distribuiva volantini sul corteo promosso per domani per la Festa del Tricolore. La vittima, medicata nel pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi, ha riportato la frattura dello zigomo e danni a occhi e orecchie giudicati guaribili in 40 giorni. Sull'episodio indaga la Digos della Questura. 

Pubblicità

Il sindaco di Catania Salvo Pogliese in una nota esprime «profonda indignazione e amarezza» per l’aggressione. «Mi auguro - dice - che si tratti di un fatto isolato e che non si ripetano atti di questo tipo che rischiano innescare pericolosissime escalation. Chi ha ordito e messo in atto l’azione criminale si è assunto una grave responsabilità e spero che gli inquirenti individuano i colpevoli di questo penoso episodio, tanto più grave perché avvenuto nei pressi di un istituto scolastico».

«Sono fatti che vanno condannati e ripudiati - ha aggiunto - perché alla violenza si deve sempre anteporre il rispettoso confronto delle idee e del dialogo. Evidentemente qualcuno è rimasto fermo a metodi e sistemi di azione politica che speravamo fossero stati per sempre cancellati».

Sull'episodio è intervenuto il vice coordinatore di Forza Italia in Sicilia, Basilio Catanoso: «I delinquenti non si smentiscono mai - ha detto - Un gruppo di sinistroidi violenti, ha selvaggiamente pestato a Catania un ragazzino che, con la gioia di quella età, era sceso in strada per manifestare le proprie idee attraverso un semplice volantinaggio». 

«Ci tranquillizza - aggiunge _ la certezza che, dopo il lavoro delle forze dell’ordine, la magistratura saprà comminare la giusta punizione ai delinquenti che ancora oggi, nel 2019, impediscono nel nostro Paese il dibattito, democratico e civile. Auguri di pronta guarigione a questo ragazzo, un esempio per molti italiani perché tornino alla politica e trovino la voglia di manifestare il proprio pensiero riconquistando la libertà».

Per Dario Moscato, responsabile nazionale organizzazione Fi Giovani «quanto accaduto oggi è inaccettabile». L’aggressione al giovane studente «è quantomeno surreale e ci riporta indietro nel tempo fino agli anni di piombo». «Stava facendo un volantinaggio per la manifestazione che si svolgerà domattina in piazza Roma a difesa del Tricolore - aggiunge - e noi saremo presenti, rispondendo così con i fatti a provocazioni "simil mafiose" che non ci fanno indietreggiare di un metro davanti ai nostri obiettivi, i nostri valori ed i nostri sogni». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA