Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Giarre, ai domiciliari litiga con la moglie e torna in carcere: ma il giudice lo rispedisce a casa

Di Redazione

CATANIA - Litiga con la moglie e preferisce il carcere agli arresti domiciliari, dove si trovava per furto. E' la "scelta" di un catanese di 50 anni che, dopo essersi tolto il braccialetto elettronico, si è presentato nel carcere di Giarre. Agli agenti della polizia penitenziaria ha spiegato che preferiva tornare in prigione piuttosto che stare con la moglie. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Giarre che lo stavano cercando dopo che lui si era tolto il braccialetto elettronico.
Giudicato per direttissima, è stato nuovamente posto agli arresti domiciliari, ancora con braccialetto elettronico e ancora in casa con la moglie. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA