Notizie locali
Pubblicità
Vittoria, Suv travolge due cuginetti Uno è morto, l'altro è ferito gravementeCaccia al guidato che si è dato alla fuga

Cronaca

Vittoria, Suv travolge due cuginetti Uno è morto, l'altro è ferito gravemente Catturato l'uomo che era alla guida

Di Giuseppe La Lota

Due cuginetti di 11 e 12 anni seduti sull'uscio di casa sono stati travolti da un Suv lanciato a folle velocità in via IV Aprile, nel centro storico di Vittoria. Uno, Alessio D'Antonio di 11 anni, è morto sul colpo e l’altro, ricoverato in gravissime condizioni nell’ospedale di Vittoria, sta per essere trasferito in elisoccorso a Catania. Le sue condizioni sono disperate. La scena che si è presentata ai soccorritori è stata raccapricciante: l’auto ha infatti tranciato gli arti inferiori di entrambi i bambini.
Il conducente dell’auto, insieme ad altre due persone che erano a bordo, si è dato alla fuga subito dopo l’incidente a piedi. Era alla guida di una Jeep Renegade. Gli agenti della polizia di Stato lo hanno già fermato: si chiama Rosario Greco, ha 34 anni ed ha precedenti penali. E' stato sottoposto all'alcool test.

Pubblicità

Due dei 3 occupanti della vettura si erano subito recati presso la caserma dei Carabinieri di via Garibaldi per raccontare l'accaduto. Avrebbero detto di non essere stati loro alla guida della macchina. Poiché le indagini sono svolte dal Commissariato di Vittoria, i due sono stati condotti nella sede della Polizia dove sono sotto interrogatorio. Il conducente è stato fermato nella sua casa dalla Polizia: si chiama Rosario Greco, ha 34 anni e ha precedenti penali. Gli agenti lo hanno sottoposto all'alcol test.

Un testimone che ha assistito all’incidente è sotto choc: «Ai nostri occhi - ha dichiarato - si è presentata una scena agghiacciante perché i due bambini sono stati letteralmente falciati e le loro gambe tranciate dall’auto». Il bambino ferito è in rianimazione nell’Ospedale di Vittoria; prima di trasferirlo a Catania i medici stanno provando a stabilizzarlo.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA