Notizie locali
Pubblicità
Protesta a Sigonella contro guerra in Siria: in centinaia verso la base

Cronaca

Sigonella, la base Usa cruciale per le operazioni nel Mediterraneo e nel Medio Oriente

Di Redazione

A Sigonella la base Nas (Naval Air Station), istituita nel 1959, è un'installazione militare della U.S Navy ospitata nell'aeroporto militare "Cosimo Di Palma" dell'Aeronautica Militare Italiana ed è la più attrezzata base di intervento americana del Mediterraneo. Si compone di due sezioni (Nas I e II) e dal 1984, oltre ad aerei da trasporto, da rifornimento e aerei-spia, ospita anche uno squadrone dotato di nove elicotteri pesanti, che assicura il sostegno alle operazioni militari americane in Europa, Africa e Medio Oriente e garantisce il ponte aereo con le portaerei nel Mediterraneo e nel Mar Rosso. Per la sua posizione strategica, la base è uno dei punti di sosta più frequentemente utilizzati dall'aviazione americana nella rotta tra gli Usa e il Sud-Ovest dell'Asia-Oceano Indiano. Ma a Sigonella avviene anche lo stoccaggio di testate e munizioni per le unità della VI Flotta e i reparti dell'aviazione Usa e Nato. Inoltre, stando a voci sempre smentite negli arsenali sarebbero depositate testate atomiche, non solo anti-sommergibile.

Pubblicità

Nell'aeroporto militare, che è anche sede del 41/o Stormo AntiSom e dell'11/o Reparto Manutenzione Velivoli dell'Aeronautica militare italiana, vi sono tra i 4 mila e i 5 mila uomini della Marina Usa, con numeri che oscillano a secondo delle crisi politiche e militari nell'area del Mediterraneo e Medio orientale, rispetto alle quali Sigonella ha un ruolo cruciale.

Tra gli aeromobili di stanza in questa base vi sono gli efficientissimi droni armati MQ-9 'Reaper' come quello usato per uccidere Soleimani, aerei senza pilota tipo Hale (High Altitude Long Endurance) e Male (Medium Altitude Long Endurance), Global Hawk per la sorveglianza strategica ad alta quota, aerorifornitori e velivoli da trasporto. Sigonella è stata la base di appoggio per gli Usa durante la guerra del Golfo con l'Iraq di Saddam Hussein nel febbraio del '91. Nel marzo 2016, la base ha ospitato anche F-16 danesi e aerei di altri Paesi alleati nell'operazione "Odissey Dawn", fornendo supporto alle forze internazionali impegnate in quella crisi libica.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA