Notizie locali
Pubblicità
Traghetti sullo Stretto, autorizzata una quinta corsa giornaliera

Cronaca

Traghetti sullo Stretto, autorizzata una quinta corsa giornaliera

Di Redazione

ROMA - Un collegamento in più per la Sicilia. La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, si legge in una nota del Mit, ha firmato, di concerto con il ministero della Salute, il decreto che aggiunge un collegamento giornaliero tra Messina/Villa San Giovanni/Reggio Calabria, modificando il precedente provvedimento del 16 marzo 2020 di forte limitazione alla mobilità delle persone con l’isola per il contrasto della diffusione dell’epidemia da Covid19.

Pubblicità

Sulle navi adibite a trasporto merci il trasporto dei passeggeri è consentito esclusivamente per documentati motivi di salute. Inoltre dall’approdo di Messina-Tremestieri viene autorizzato il transito degli operatori sanitari pubblici e privati, a bordo delle unità navali che operano il trasporto merci. La decisione del Mit è stata presa a seguito delle difficoltà riscontrate relative allo spostamento dei passeggeri lungo la linea Messina/Villa San Giovanni/Reggio Calabria che hanno reso necessaria una parziale rimodulazione del servizio. 

Col nuovo provvedimento, gli spostamenti via mare per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa saranno pertanto assicurati mediante cinque corse giornaliere Andata/Ritorno, da effettuarsi nella fascia oraria dalle 6 alle 21. Non cambiano le prescrizioni sugli spostamenti che sono consentiti esclusivamente agli appartenenti alle Forze dell’Ordine e alle Forze Armate, agli operatori sanitari pubblici e privati, ai lavoratori pendolari o per comprovate esigenze di lavoro, gravi motivi di salute e situazioni di necessità.

Per quanto riguarda il traffico merci dalla Calabria alla Sicilia e viceversa, resta consentito esclusivamente sull'approdo di Messina-Tremestieri. Da tale approdo viene autorizzato, su richiesta della Regione Sicilia, il transito degli operatori sanitari pubblici e privati, a bordo delle unità navali che operano nel trasporto merci, su mezzi privati e nel rispetto delle certificazioni e delle condizioni di sicurezza delle navi.
Rimangono invariate tutte le altre misure di restrizione della mobilità dei passeggeri con gli altri vettori, aerei e ferroviari.

Accolte le richieste avanzate dal deputato regionale Antonio De Luca, dall'Ordine dei Medici di Messina e da altri Enti. "I pendolari dello Stretto che si spostano ogni giorno tra le due sponde - ha dichiarato De Luca - potranno contare su una maggiore disponibilità di traghetti e fasce orarie per recarsi con maggiore comodità al lavoro. Considero questo un risultato significativo, che segue quello della costituzione della checklist dei pendolari che agevola l'attraversamento dello Stretto nel contesto della difficile emergenza che stiamo attraversando. Il collega della Camera dei Deputati Francesco D'Uva si è particolarmente speso per la concessione del provvedimento ministeriale e per la gratuità delle corse in auto, confermata dalla Bluferries attraverso l'ad Giuseppe Sciunè, per tutto il personale sanitario impegnato nel contrasto all'emergenza Covid-19. Tutti questi risultati sono stati ottenuti grazie alla fattiva collaborazione tra tutte le istituzioni interessate, Regione e ministero in primis e in particolare la società Bluferries per la sensibilità dimostrata".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA