Notizie locali
Pubblicità
Tragedia Casteldaccia, archiviazione per la proprietaria della villetta

Cronaca

Alluvione Casteldaccia, chiusa l'indagine: ex sindaco e altri due verso il processo

Di Redazione

PALERMO L'inchiesta sulla sciagura di Casteldaccia del 2 novembre 2018, quando nove persone morirono intrappolate in una villetta abusiva per l’esondazione del fiume Milicia, è chiusa. Il procuratore di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio, insieme al sostituto Carmela Romano, ha chiesto l’archiviazione per cinque degli otto indagati, mentre la richiesta di rinvio a giudizio potrebbe essere formulata soltanto per il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto, per la responsabile della Protezione civile comunale, Maria De Nembo, e per il proprietario dell’immobile, Antonino Pace.

Pubblicità

La Procura ha chiesto l’archiviazione - ma le parti civili si sono opposte - per il predecessore di Di Giacinto, Fabio Spatafora, per tre dirigenti che dal 2008 hanno guidato l'ufficio municipale per le sanatorie, i condoni edilizi, le demolizioni e l’acquisizione degli immobili abusivi al patrimonio del Comune, ovvero Rosalba Buglino, Alfio Tornese e Michele Cara Pitissi, nonché per la moglie del proprietario della villetta, Concetta Scurria.

Nella villetta, investita da un fiume di fango, persero la vita Francesco Rughoo, Monia, Antonio, Marco, Federico e Rachele Giordano, assieme a Nunzia Flamia, Matilde Comito e Stefania Catanzaro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA