Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Indagato il sindaco di Barrafranca: tentata corruzione con l'aggravante mafiosa

Di Redazione

Nell’ambito dell’inchiesta Ultra della Dda di Caltanissetta che ha portato a 46 arresti, un avviso di garanzia è stato notificato al sindaco di Barrafranca Fabio Accardi, indagato per tentativo di corruzione con l’aggravante mafiosa, mentre un funzionario del comune è ai domiciliari.

Pubblicità

A rivelarlo, durante la conferenza stampa nella Procura nissena, è stato il comandante del Ros, generale di divisione Pasquale Angelosanto. «L'indagine è paradigmatica di quello che è l’agire mafioso con rapporti collusivi con la pubblica amministrazione - ha detto Angelosanto - In particolare all’Ati che si era aggiudicata la gara per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani era stato imposto di affittare un terreno dove ricoverare i mezzi dell’azienda. Terreno di proprietà di uno degli associati che quindi era garantito, perché nessuno poteva porre in essere azioni ostili nei confronti dei mezzi e dei dipendenti, e al tempo stesso c'era un regolare contratto di locazione che veniva regolarmente pagato mese per mese con bonifici bancari. Quindi ci sono anche tracce in questo senso».

Per il comandente del Ros «il territorio di Barrafranca ed Enna è stato al centro negli ultimi anni di fatti di sangue e delitti che danno l’idea e la consistenza della fibrillazione mafiosa che opera ed è percepibile nel territorio».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA