Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

L'ex assessore Marino: «Beppe Lumia era il governatore ombra»

Di Redazione

ROMA «Linda Vancheri rappresentava Montante e basta non faceva dichiarazioni e non era in grado di prendere decisioni in Giunta. Beppe Lumia invece l’ho definito il governatore ombra perché era una presenza costante nella stanza del presidente Crocetta. Anche per conto suo faceva incontri con politici, con i sindacati. Era sempre presente».

Pubblicità

Così ha descritto la sua ex collega della giunta regionale, guidata da Rosario Crocetta, e il senatore Lumia, il magistrato Nicolò Marino, chiamato oggi a deporre nell’ambito del processo sul Sitema Montante rispondendo alle domande del pm Maurizio Bonaccorso. Marino è stato assessore regionale. In aula si è parlato anche di video compromettenti. «Un video che riguardava me? Non ne so nulla, so che ne ha parlato Alfonso Cicero nelle sue dichiarazioni. Del video 'hot' di Crocetta invece lo appresi da fonti dell’Arma di Gela». 

Marino ha anche raccontato di minacce ricevute da Montante. «Io non ho mai avuto stima di Antonello Montante. Avevo chiaramente percepito che questa funzione che aveva assunto di tutore della legalità era inaccettabile per la magistratura. La figura di Montante era assolutamente di contrarietà e mi stupivo di come certi colleghi potessero dargli spazio. Non faccio riferimento al dottore Sergio Lari che si era accorto di alcune di queste contraddizioni». Lo ha dichiarato il magistrato Nicolò Marino, ex assessore della giunta regionale di Rosario Crocetta, e attualmente gip al tribunale di Roma, chiamato a deporre al processo sul cosiddetto «sistema Montante» che si celebra in ordinario. «Nel periodo in cui ero assessore ero convinto che la mia nomina fosse legata a un progetto di governo in cui credevo. Avevo stima del presidente Rosario Crocetta - racconta il magistrato - e avevo stima di Beppe Lumia. Quell'occasione la percepii come una strada. Capii che era venuto il tempo di andare via da Caltanissetta e accettare quell'incarico. I contrasti nacquero per la gestione della discarica di Siculiana. Un giorno quando ancora ero assessore ricevetti una chiamata da Lumia che mi diceva devi venire a Palermo perché Antonello Montante e Ivan Lo Bello ti vogliono parlare. Io non andai, vennero loro. Eravamo all’hotel Excelsior di Catania. Neanche il tempo di sedermi e Montante si alza e mi dice 'la devi smettere di creare dossier sul mio conto. Altrimenti so io cosa farè. A quel punto dissi che me ne andavo. Lo Bello stava zitto e Lumia cercava di placare gli animi. Montante sostanzialmente mi contestava la posizione pubblica contro Giuseppe Catanzaro che gestiva una delle più grosse discariche in Sicilia, quella di Siculiana. Catanzaro ci aveva chiesto il rilascio di un’autorizzazione per l’ampliamento della discarica ma per rilasciarla era necessario, così come previsto per legge, che venisse realizzato un impianto per il trattamento dei rifiuti». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA