Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, Razza: «Stiamo dando la caccia ai clienti della escort di Modica»

Cronaca

Coronavirus, Razza: «Stiamo dando la caccia ai clienti della escort di Modica»

Di Redazione

CATANIA - «L'Asp a Modica sta lavorando molto intensamente per ricostruire i contatti della escort che si è fermata per un periodo di tempo nel paese ibleo. Io faccio mio l’appello del sindaco di Modica a tutti i cittadini che dovessero aver avuto un qualche contratto interpersonale». Lo ha affermato l’assessore regionale alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza rispondendo, a margine di una conferenza stampa a Catania, in merito al caso della escort risultata positiva al Coronavirus a Foligno dopo un periodo di tempo trascorso in Sicilia, a Modica, in provincia di Ragusa.

Pubblicità

«Forse su questo dovremmo fare una ulteriore riflessione in più, magari capire che tra le categorie oggetto di censimento e di approfondimento dal punto di vista dello screen potrebbero esserci tutti quei settori nei quali la diffusione del contagio si presta ad essere particolarmente più alta nel rischio», ha detto. 

La escort, una donna di 54 anni di origini peruviane - secondo quanto è stato ricostruita da autorità sanitarie e forze di polizia -si sarebbe spostata fra Spagna e Italia, da Barcellona, passando per Ciampino, Modica, Roma e Foligno, incontrando una trentina di clienti solo nella città siciliana.

La escort ha viaggiato in aereo, treno e autobus, tanto che sono stati sanificati una decina di treni sulla quale ha viaggiato. L’azienda ospedaliera di Perugia ma anche il sindaco di Modica e ora pure l'assessor Razza hanno invitato chi sospetta di essere stato a contatto con la donna a sottoporsi ai controlli.

A Modica, dove la escort avrebbe soggiornato per 15 giorni in un monolocale in affitto per incontrare clienti, si stanno cercando senza sosta le persone che potrebbero averla frequentata. Il sindaco Ignazio Abbate ha chiesto ai clienti della peruviana di recarsi a fare l’esame sierologico o il test, «anche a rischio di farsi mettere alla porta dalla moglie». Finora però dei circa trenta clienti che si presume abbiano usufruito dei servizi della escort solo due si sono presentati. E a quanto pare sono risultati entrambi negativi.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA