Notizie locali
Pubblicità
Bertolaso in Sicilia, Fava: «Ma l'ordinanza di Musumeci su ingressi è ancora valida?»

Cronaca

Attentato Antoci, Fava: «Dal Gip espressioni stravaganti»

Di Redazione

PALERMO - «Il gip di Messina si è espresso con un linguaggio stravagante e superficiale. Noi non abbiamo mai parlato di un coinvolgimento di Antoci nell’attentato. La procura di Messina non ha compiuto nessun altro atto indagine, non c'è traccia di approfondimenti investigativi. Alcuni potevano essere fatti come un confronto tra i poliziotti Manganaro e Ceraolo considerato che danno ricostruzioni opposte dell’episodio». Lo ha detto il presidente della commissione regionale antimafia Claudio Fava parlando a Roma davanti la commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie sulla vicenda dell’attentato all’ex presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci.

Pubblicità

Il gip di Messina ha archiviato l'inchiesta bis sull'attentato a Antoci, nata dopo che la commissione regionale antimafia aveva chiesto s'indagasse ancora facendo «tre ipotesi», tra cui una che ipotizzava una "messinscena» di cui Antoci era inconsapevole. Il gip accogliendo la richiesta del sostituto della Dda Fabrizio Monaco, ha bollato le tesi dell’organo regionale come «pure elucubrazioni mentali non corroborate da alcun dato probatorio"; e afferma poi che «la conclusione raggiunta dalla Commissione (ossia che l’ipotesi dell’attentato mafioso sia la meno plausibile) appare preconcetta e comunque non supportata da alcun dato probatorio».

Fava ha detto che non sono state fatte "ulteriori perizie per capire se l’auto poteva superare le pietre messe sulla strada per bloccare l’auto blindata di Antoci» e ha ribadito che «tutte le norme di ingaggio per gli uomini delle scorte sono state violate la sera dell’attentato».

«La procura - ha detto Fava - ripete ciò che ha detto due anni fa e il gip è d’accordo dimostrando di aver letto con superficialità la nostra relazione». Fava ha precisato che la commissione regionale antimafia non ha presentato esposti ma a auspicato nuove indagini. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA