Notizie locali
Pubblicità
Sette migranti positivi al Cara di Caltanissetta e il sindaco si rivolge alla Procura

Cronaca

Sette migranti positivi al Cara di Caltanissetta e il sindaco si rivolge alla Procura

Di Redazione

Sono sette in tutto i migranti del Cara di Caltanissetta positivi al Coronavirus su un totale di 319 ospiti del centro sottoposti a tampone. Uno solo di loro è ricoverato al reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sant'Elia ma a breve sarà dimesso. I sette dovranno rimanere in quarantena al centro fino a quando due nuovi tamponi non daranno esito negativo. Nessuno di loro è sintomatico. I migranti negativi al tampone rinofaringeo, sono ospitati presso il centro di accoglienza, in un’area completamente separata.

Pubblicità

«Ho inoltrato una nota alla Procura della Repubblica nissena - ha detto il sindaco Roberto Gambino - per accertare eventuali responsabilità rispetto all’invio dei migranti positivi a Caltanissetta. L’accoglienza è sacrosanta è un dovere morale, ma non sulle spalle dei cittadini e prima ancora dei sindaci che subiscono le decisioni dall’alto. Chi non ha controllato deve rispondere delle proprie azioni».

«Io non posso consentire che in una città Covid free da 55 giorni - aggiunge - vengano trasferiti tra l’altro senza ragione, perché il luogo deputato è Palermo, dei soggetti positivi. Arrivavano da Porto Empedocle, quindi la responsabilità prima è dell’Asp della provincia da dove sono partiti. Adesso voglio risposte. Le voglio anche dal governo regionale che deve controllare che i protocolli anti Covid vengano rispettati alla lettera. Chiedo all’assessore alla Sanità Ruggero Razza ed presidente della regione Nello Musumeci di aprire un’indagine interna accertare le responsabilità. Perché le responsabilità ci sono». 

Precauzionalmente, verrà effettuato il tampone anche a tutti gli operatori entrati a contatto con i migranti; inoltre, a tutti i migranti verrà effettuato fra 7 giorni un nuovo tampone al fine di un costante monitoraggio sanitario. La Prefettura di Caltanissetta, in previsione dell’arrivo dei migranti ha tenuto lunedì sera una Riunione Tecnica di Coordinamento per implementare il dispositivo di sicurezza che è stato rinforzato: in particolare, sono stati aggregati ulteriori 60 militari dell’Esercito Italiano e complessivamente presso Pian del Lago operano 150 militari, nonché ulteriori 80 uomini dei reparti inquadrati delle Forze di Polizia che si aggiungono alle 24 unità dei “reparti territoriali”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA