Notizie locali
Pubblicità
Lipari, Lorenza uccisa da una embolia polmonare massiva

Cronaca

Lipari, la morte di Lorenza finisce in Procura: aperta un'inchiesta

Di Redazione

La Procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un’inchiesta sulla morte di Lorenza Famularo, 22 anni, avvenuta nella notte tra sabato e domenica nell’ospedale di Lipari. Lo ha confermato il procuratore capo Emanuele Crescenti, che già ieri ha delegato Rita Barbieri, sostituto procuratore, a occuparsi dell’indagine.

Pubblicità

«Acquisiremo tutte le carte e ovviamente sentiremo i parenti e gli amici della giovane. Sul corpo della giovane sarà eseguita l’autopsia, abbiamo già incaricato due esperti», dice Crescenti. La ragazza, nei giorni scorsi, era stata più volte al pronto soccorso di Lipari, riferendo di avere forti dolori all’addome, alla spalla ed al collo, le erano stati prescritti e somministrati alcuni antidolorifici ma la situazione non era migliorata.

Nella notte la situazione è precipitata fino alla morte. Nel pomeriggio di domenica sono arrivati a Lipari i tre componenti della commissione di indagine interna nominati dal direttore generale dell’Asp Messina Paolo La Paglia per acquisire tutta la documentazione presente in ospedale ed ascoltare il personale sanitario.

La famiglia di Lorenza Famularo ha incaricato come medico legale di parte la dottoressa Daniela Sapienza, la stessa che sta seguendo la vicenda di Viviana Parisi e del figlio Gioele scomparsi e trovati morti a Caronia, nel Messinese. Mentre i legali che seguiranno per conto della famiglia Famularo la vicenda sono gli avvocati Vincenzo La Cava e Nunzio Rosso. E’ stata richiesta alla procura di Barcellona Pozzo di Gotto, che ha avviato un’inchiesta sul decesso della ventiduenne, l’esecuzione sul cadavere di Lorenza Famularo di una Tac 'total body', prima di effettuare l’esame autoptico. La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha dato incarico per gli accertamenti autoptici al medico legale Letterio Visalli e al cardiologo Michele Giannetto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA