Notizie locali
Pubblicità
Cantarella dà la maglia a Salvini ma i tifosi: «Catania fuori dalla politica»

Cronaca

Cantarella dà la maglia a Salvini ma i tifosi: «Catania fuori dalla politica»

Di Redazione

L’assessore comunale di Catania Fabio Cantarella che è anche un dirigente regionale della Lega, posta sul suo profilo Facebook una foto che lo ritrae insieme a Matteo Salvini, in questi giorni a Catania dove in Tribunale si deciderà se dovrà essere processato per la vicenda Gregoretti, al quale ha donato una maglia del Catania con il post “Un solo capitano”. Una iniziativa che nel suo stesso profilo Facebook non ha trovato la condivisione di tutti i suoi followers e anzi molti commenti hanno lamentato la volontò di mischiare la maglia del Catania con la politica. Ad esempio c’è Francesco che accusa: “Ma come si può dare una maglia del Catania a uno che ci ha sempre disprezzati? Ormai non c'è più ritegno vergogna”. Naturalmente ci sono moltissimi commenti che invece inneggiano proprio a Salvini e che si dicono d’accordo con l’iniziativa di Cantarella che ha postato la foto sul suo profilo personale e che dunque ha per la stragrande maggioranza contatti con cui condivide la fede politica oltre che quella calcistica. C’è anche Alfio che avanza dubbi: “Spesso si dice che la Politica non deve mai mischiarsi con lo sport, ma ormai credo che è caduto da un po’ di tempo anche quel detto. Non apprezzo la foto in sé per svariati motivi. Nel contesto e nel momento attuale che sono totalmente inappropriati. Parere mio personale”. Raimondo: “Egregio assessore, gradiremmo un comunicato ufficiale da parte della dirigenza attuale del Catania Calcio in cui la si autorizza a questo utilizzo di una maglia ufficiale della squadra”. A questo utente ha risposto proprio Cantarella: “il Calcio Catania è di tutti quelli che lo amano. Impara a rispettare anche gli altri , specialmente Matteo Salvini che con 700 milioni di euro ha salvato il comune di Catania garantendo lo stipendio a migliaia di catanesi. Porta rispetto!”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA