Notizie locali
Pubblicità
Gommone affonda davanti Lampedusa: 100 migranti salvati dalla Gdf

Cronaca

Gommone affonda davanti Lampedusa: 100 migranti salvati dalla Gdf

Di Redazione

LAMPEDUSA - La guardia di finanza ha salvato un centinaio di migranti che ieri sera si trovavano a bordo di un gommone in procinto di affondare davanti alla banchina del porto di Lampedusa. L’operazione di salvataggio è avvenuta a Cala Pisana, nel litorale orientale dell’isola: a ridosso della banchina, avvistato un grosso gommone che stava per affondare, con a bordo un centinaio di persone di origine centro africana, tra cui molte donne con bambini, probabilmente incapaci di nuotare e sprovvisti di salvagente.

Pubblicità

Nella manovra di avvicinamento al molo, l'imbarcazione aveva urtato un corpo contundente, verosimilmente la punta acuminata di uno scoglio, che aveva provocato uno squarcio in uno dei tubolari di galleggiamento, inclinandola e facendole imbarcare acqua.

I militari, sporgendosi sul margine estremo della banchina, sono riusciti ad afferrare le braccia protese verso l’alto dei naufraghi e a tirarli su, uno per uno, consentendo loro di guadagnare la terra ferma. 

Nel corso delle operazioni due dei soccorritori sono rimasti feriti e hanno dovuto ricorrere alle cure mediche. Sul posto erano intanto giunti altri militari della Tenenza e della Sezione Operativa Navale che hanno completato l’opera di salvataggio dei migranti, tutti messi in salvo poco prima che il gommone affondasse e affidati ai sanitari di Lampedusa. 

Intanto altri tre sbarchi di migranti sono avvenuti durante la notte, a Lampedusa (Ag): sono arrivate 114 persone. Prima è stato soccorso un barchino con 10 tunisini, poi un natante con 85 immigrati di varia nazionalità e infine all’alba è stata agganciata un’altra piccola imbarcazione con 19 persone a bordo.

Tutti, dopo un primo controllo della temperatura corporea, sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola che, ieri sera, 77 ospiti si sono lasciati alle spalle. Il gruppo, ricevuto l’esito del tampone rapido anti-Covid, è stato imbarcato sulla nave quarantena Allegra. La Prefettura di Agrigento conta entro oggi di riuscire ad imbarcare un totale di 500 persone. Nella struttura d’accoglienza restano, al momento, oltre 1300 persone.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: