Notizie locali
Pubblicità
Mafia, sequestrati l'appartamento, l'auto e i conti di Massimo Calafiore

Cronaca

Mafia, sequestrati l'appartamento, l'auto e i conti di Massimo Calafiore

Di Redazione

Beni per circa 300mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza a Massimo Calafiore, 52 anni. Il provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania ha riguardato un appartamento a Solarino (Siracusa), un’auto di grossa cilindrata e rapporti bancari e finanziari. L'uomo, spiegano gli inquirenti, ha "precedenti penali che ne delineano l'appartenenza alla criminalità organizzata aretusea".

Pubblicità

E’ stato condannato il 24 luglio 1998, dalla Corte d’assise di Siracusa, a due anni di reclusione per associazione mafiosa, per aver fatto parte del clan diretto da Sebastiano Nardo e Antonio Aparo dal 1988 al 1996. Il 13 gennaio 2003, invece, è stato condannato dalla Corte di Appello di Catania, alla pena di 9 anni e 6 mesi di reclusione per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Entrambe le sentenze sono divenute definitive. Attualmente è in carcere perché coinvolto in un recente procedimento penale sviluppato dalla Dda di Catania e culminato, durante lo scorso luglio nell’operazione San Paolo, eseguita dai carabinieri. L'approfondimento di natura patrimoniale ha fatto emergere "un’assoluta sperequazione reddituale" per il periodo che va dal 2000 al 2018 con "un tenore di vita decisamente elevato e incongruo rispetto alle possibilità".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA