Notizie locali
Pubblicità
Protesta a Sigonella contro guerra in Siria: in centinaia verso la base

Cronaca

«Palestre, piscine e altri servizi aperti: così Sigonella è zona grigia»

Di Redazione

CATANIA  - «Nelle installazioni militari di Sigonella Nas1 di Motta Sant'Anastasia e Nas2 di Lentini non c'è alcun rispetto delle normative anti Covid. Per scelta del Comando americano, restano infatti aperti alcuni servizi accessori e non essenziali. Ad esempio, palestre e piscine fruite non solo dal personale militare». Lo afferma il segretario Uiltucs di Catania, Giovanni Casa, segnalando «Sigonella zona grigia» alle Prefetture, all’Inail e alle Aziende sanitarie di Catania e Siracusa, oltre che ai sindaci dei due Comuni.

Pubblicità

La nota di protesta è stata condivisa dai Rappresentanti per la Sicurezza degli 867 lavoratori civili in servizio nella base. Nel documento, l’organizzazione sindacale «rappresenta la difformità di comportamenti rispetto alle norme di emanazione regionale e nazionale sulla chiusura dell’intero territorio siciliano durante i periodi di zona rossa o arancione».

«È utile rammentare - scrive ancora il segretario Uiltucs - che servizi di pulizia, assistenza, manutenzioni, ristoro e altri sono assicurati da personale civile italiano che, in siffatta situazione, viene esposto a rischi di contagio. Dobbiamo ancora riferire la scarsissima propensione all’utilizzo dei dispositivi individuali anti-contagio, per cui si assiste ancora oggi all’irresponsabile organizzazione di incontri collettivi per sedute ludiche o ginniche riservate a gruppi più o meno numerosi di utenti di ogni fascia di età». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: