Notizie locali
Pubblicità
Università di Catania, la Corte dei Conti condanna i commissari di un concorso

Cronaca

Regione, la corte dei conti blocca il nuovo contratto per i dirigenti

Di Redazione

Ritenendo che «la relazione tecnico-finanziaria prodotta dall’Aran presenta significative lacune informative in ordine agli elementi necessari per l'espressione di un giudizio di attendibilità dei costi contrattuali», la sezione di controllo della Corte dei Conti per la Regione siciliana ha deliberato «di rilasciare certificazione negativa sull'ipotesi di accordo quadro del contratto collettivo regionale di lavoro dell’area della dirigenza e degli Enti per il triennio normativo ed economico 2016-2018».

Pubblicità

Per i giudici contabili «non appare apprezzabile la copertura finanziaria degli oneri a carico degli esercizi 2021 e seguenti, atteso che, ad oggi, non risulta approvato neppure il bilancio di previsione 2021-2023». Insomma, per la Corte «il quadro finanziario - al momento incerto- che emerge dai documenti di programmazione e bilancio, non consente di poter esprimere una valutazione di sostenibilità dei costi contrattuali illustrati nell’ipotesi di accordo».

«Inaccettabile, la Regione corra subito ai ripari e metta in sicurezza il rinnovo del contratto dei dirigenti», dicono Sebastiano Cappuccio e Paolo Montera, rispettivamente segretari generali della Cisl Sicilia e della Cisl Fp Sicilia. "Il governo regionale si assuma le sue responsabilità in questa vicenda - aggiungono - Lo deve ai suoi dipendenti. Questa notizia getta nello sconforto l’intera categoria dei dirigenti regionali che sconta un blocco contrattuale che dura da più di 16 anni e che resta, a questo punto, l’unico comparto del pubblico impiego in tutta Italia che non ha ancora avuto rinnovato il contratto di lavoro».

Dice Claudio Barone, segretario generale della Uil siciliana: «Attendendo di capire meglio le motivazioni della Corte dei Conti, chiediamo un intervento urgente al governo Musumeci per avvistare e superare subito i problemi che sono emersi; non è accettabile che si vanifichino gli effetti di un contratto che era già stato acquisito con notevole ritardo». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: