Notizie locali
Pubblicità
Congo, il vice (agrigentino) dell'ambasciatore ucciso: «Sto bene, ma mi sento un sopravvissuto»

Cronaca

Congo, il vice (agrigentino) dell'ambasciatore ucciso: «Sto bene, ma mi sento un sopravvissuto»

Di Lorenzo Rosso
Pubblicità

Saro non si dà pace per quell’immane tragedia che ha visto l’uccisione di un suo fraterno amico, presente nella sua vita da oltre tre anni da quando aveva preso servizio nella sede di Kinshasa, un’amicizia che aveva visto Luca, perfino ospite e invitato d’onore alle sue nozze, tempo fa, in Sicilia.

Luca era quel giovane ambasciatore col quale Saro divideva le ore d’ufficio e nei momenti di pausa, con alcuni del personale d’ambasciata, tirava quattro calci al pallone nel cortile della palazzina consolare. Aveva condiviso con Luca tante cose, in primis il volontariato e l’adesione a “Mama Sofia” l’organizzazione umanitaria congolese di cui Attanasio era presidente onorario e Castellana, tra i principali sostenitori; un’organizzazione dedita ad aiutare le popolazioni locali in assenza di sanità, istruzione e beni primari come l’acqua potabile. In queste ore è inutile cercare Saro, a Kinshasa perché il suo cellulare è staccato e al centralino dell’ambasciata dicono che non può rispondere.

Con la morte di Luca è impegnato a reggere le sorti della nostra ambasciata in questi momenti febbrili in cui stanno arrivando da Roma funzionari del Ministero ed esperti dell’Arma dei Carabinieri inviati dalla Procura, per fare luce sull’episodio. Certo è che Saro Castellana, responsabile del Progetto umanitario, aveva predisposto ogni cosa nei minimi dettagli. Si trattava di una missione di routine per andare a visitare una scuola e nulla lasciava presagire la drammatica vicenda. Il convoglio dell’Onu, tre Jeep, era partito regolarmente. Ma un imprevisto, un caso fortuito, aveva fatto sì che Saro all’ultimo momento rimanesse in ufficio e al suo posto andasse l’ambasciatore.

Ancora poche settimane e poi le strade dei due amici si sarebbero divise. L’ambasciatore Attanasio a marzo sarebbe dovuto rientrare in Italia per fine mandato mentre a Saro Castellana è già stato notificato il trasferimento e dal prossimo settembre prenderà servizio presso l’ambasciata del Cairo. Purtroppo sulla strada tra Goma e Rutshuru a 2.500 km da Kinshasa qualcosa è andato storto con l’agguato dei ribelli, il sequestro e le uccisioni, in un lembo di terra di confine teatro di scontri. Una tragedia vissuta ad Agrigento con il cuore in mano. Il padre di Saro, Giuseppe Castellana, ex direttore del Parco Archeologico di Agrigento, racconta di aver chiamato la Farnesina dopo essere stato avvertito da un altro figlio che era successo qualcosa in Congo. Solo ore dopo, il papà ha potuto parlare con il figlio in Africa, una chiamata brevissima ma rassicurante: «Sto bene ma è successa una tragedia - ha detto Saro - Mi sento un sopravissuto».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: