Notizie locali
Pubblicità
Etna, riprende l'attività esplosiva: è il sesto parossismo in 8 giorni

Cronaca

Etna, riprende l'attività esplosiva: è il sesto parossismo in 8 giorni

Di Redazione

CATANIA - Un’intesa attività stromboliana con emissione di una fontana di lava, che supera i 400 metri d’altezza, è in corso da due bocche aperte all’interno del cratere di Sud-Est dell’Etna, con emissione di cenere di lavica. E' presente una colata che si dirige verso la desertica Valle del Bove. 

Pubblicità

Il fenomeno parossistico, il sesto dal 16 febbraio scorso, è monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania che aveva preannunciato questa mattina di attendersi uno scenario con «attività vulcanica caratterizzata da degassamento e continua attività esplosiva dai crateri sommitali con eventuale formazione di nubi di cenere ed effusione lavica». 

Scenario che puntualmente si è verificato con il vulcano che è tornato a dare spettacolo grazie anche all'ampia visibilità data dall'alta pressione atmosferica di questi giorni. Allo spettacolo fa però da contraltare la cenere lavica che continua a cadere nei paesi etnei creando disagi e danni.

L’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La localizzazione della sorgente è nell’area del cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 2.700 metri sul livello del mare.

Anche l’attività infrasonica risulta parecchio sostenuta sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi ed è localizzata nel cratere del Sud-Est. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA