Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Morte sospetta per il vaccino, il Pm: «Sequestrati 3500 flaconi»

Di Redazione

«Abbiamo un dato chiaro, che è un dato di connessione cronologica tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca che Paternò ha fatto l’8 marzo e la sua morte, che è intervenuta nelle prime ore del mattino del 9 marzo».

Pubblicità

E’ quanto dichiarato dal sostituto procuratore di Siracusa, Gaetano Bono, che indaga sul caso AstraZeneca e su alcune morti sospette, nel corso dell’intervista alla trasmissione Titolo V, condotta da Francesca Romana Elisei e Roberto Vicaretti, su Rai 3.

«Oggi sono state completate le operazioni di sequestro dei restanti flaconi contenenti ciascuno 10 dosi, quindi circa 3500 flaconi sono stati sequestrati in tutta Italia. Le ragioni, per cui abbiano proceduto al sequestro in tutta Italia dei campioni, sono dovute all’emergenza anche in questo caso temporale, ha spiegato il pm Bono.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA