Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Coronavirus, blitz dei Nas negli obitori: denunce anche in Sicilia

Di Redazione

ROMA - I carabinieri dei Nas, nell’ambito delle attività di controllo svolte nel periodo di emergenza sanitaria, d’intesa con il Ministro della Salute, hanno concluso una vasta campagna di verifiche condotte a livello nazionale presso le strutture di permanenza delle salme in ospedali pubblici e cliniche private, al fine di accertarne la regolarità ed il rispetto delle misure di prevenzione al contagio da Covid-19. Al centro dei controlli sono finiti 375 tra obitori e camere mortuarie interni alle strutture ospedaliere, nonchè analoghe aree adibite al commiato, riconducibili ad imprese funebri private e relativi servizi cimiteriali, rilevando irregolarità in 85 di questi. 

Pubblicità

Complessivamente sono state denunciate 23 persone e segnalate altre 78, tra dirigenti di strutture sanitarie ed ospedaliere nonchè titolari di imprese funebri private per violazioni della disciplina sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, inosservanza degli obblighi della normativa anti-COVID e delle leggi regionali e di polizia mortuaria, contestando 102 sanzioni penali ed amministrative. Tra le irregolarità accertate dai Carabinieri dei Nas, 24 interessano l’inosservanza delle misure di contenimento epidemico e della sicurezza degli ambienti di lavoro, dovuta alla mancata pulizia e sanificazione dei locali, l’assenza di percorsi separati per il trasporto delle salme e la carente formazione degli operatori circa il rischio da esposizione agli agenti biologici. 

Tra i principali interventi quello dei Nas di Ragusa. Nel corso di un controllo presso la casa cimiteriale comunale di Gela (Caltanisetta) sono state accertate violazioni circa la mancanza del documento di valutazione rischi relativo al possibile contagio da Covid-19 e l’inosservanza delle misure finalizzate al contenimento della diffusione epidemica, quali l’assenza di cartellonistica, del piano di sanificazione dei locali e del registro dei decessi per "Covid-19". Inoltre, i locali adibiti a camera mortuaria, sala autoptica e cappella di preghiera sono risultati interessati da carenze igienico-sanitarie e dalla presenza di 45 feretri, accantonati in attesa di sepoltura da oltre un mese. Nella circostanza è stato denunciato il funzionario responsabile dei servizi cimiteriali.

Ma anche quello dei Nas Palermo: a conclusione di attività ispettiva sono stati denunciati 3 dirigenti di due presidi ospedalieri di Sciacca e Canicattì (Agrigento), quali responsabili anche delle relative camere mortuarie, per aver ommesso di aggiornare il documento di valutazione rischi con le procedure di prevenzione da esposizione ad agenti biologici e non aver effettuato la formazione professionale degli operatori. Le due camere mortuarie sono state peraltro riscontrate con evidenti carenze igienico-strutturali.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA