Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania, prima botte alla moglie e dopo alla figlia accorsa per difenderla

Di Redazione

Prima picchia la moglie e poi quando la figlia sedicenne interviene per difendere la donna non ha esitato a darle di santa ragione anche a lei. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno così arrestato un catanese di 42 anni, per maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e lesioni personali.

Pubblicità

La presenza dei tre figli della coppia, di cui due in tenera età e l’altra di 16 anni, non ha fermato la furia dell’uomo il quale, al termine dell’ennesima lite, non ha esitato ad aggredire la moglie 40enne colpendola con violenti ceffoni. La figlia 16enne, accorsa in aiuto della madre, è stata anch’ella aggredita e costretta a fuggire di casa per chiedere aiuto ai carabinieri della vicina caserma di Piazza Dante. Sul posto, tramite la centrale operativa del Comando Provinciale, sono giunte immediatamente due pattuglie del radiomobile che, trovando la ragazza sotto l’abitazione familiare, l’hanno prima rassicurata per poi raggiungere l’abitazione all’interno della quale si era verificata l’aggressione.

La vittima ha raccontato come l’energumeno l’avesse aggredita senza alcuna plausibile ragione in presenza dei figlioletti e in presenza di un fratello di lei, diversamente abile, anch’egli vessato nel corso degli anni. Le due donne, tramite un’ambulanza del 118, sono state trasportate al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi centro dove i medici le hanno riscontrate affette da diversi traumi contusivi. L’arrestato è stato relegato agli arresti domiciliari in casa di un parente.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA