Notizie locali
Pubblicità
Tecnis: le ”condotte predatorie” di Mimmo Costanzo e dei fratelli Bosco

Cronaca

Catania, bancarotta Tecnis: condannati imprenditori Costanzo e Bosco

Di Redazione

Il Gup di Catania, Simona Ragazzi, ha condannato, col rito del patteggiamento, gli imprenditori Mimmo Costanzo e Concetto Bosco, rispettivamente, a tre anni e otto mesi e a 4 anni di reclusione per la bancarotta della Tecnis, azienda che operava nel settore delle opere pubbliche.

Pubblicità

Comminati anche, con lo stesso rito, tre anni e quattro mesi a Orazio Bosco, fratello di Concetto, e due anni di reclusione a Gaspare Di Paola. La sentenza dispone anche la restituzione di beni ancora sequestrati ai commissari liquidatori della società. Altri beni sequestrati erano stati già riconsegnati alla Tecnis.

L’inchiesta si basava su indagini del nucleo di Polizia economica finanziaria della guardia di finanza di Catania erano sfociate, il 21 febbraio del 2020, nell’arresto dei quattro indagati e al sequestro di beni per circa 94 milioni di beni.

Secondo la Procura il «management della Tecnis» ha «spogliato la società di quasi 100 milioni di euro, dal 2011 al 2014, aggravandone il dissesto e rendendola insolvente». L’inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall’aggiunto Agata Santonocito e dai sostituti Alessandra Tasciotti e Fabio Regolo, e gli accertamenti del nucleo Pef della Gdf ricostruirono la fitta rete di connessioni tra le società della galassia Tecnis, che operava quasi sempre su appalti pubblici e che all’avvio della procedura di amministrazione straordinaria disponeva di un portafoglio commesse pari a 700 milioni di euro, aveva circa 600 dipendenti ed era gravata da un passivo accertato di quasi 180 milioni di euro, di cui 94 milioni per debiti erariali.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA