Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Misterbianco, insegue e minaccia la ex in auto con la figlia di due anni: arrestato

Di Redazione

Lei era in auto con la figlia di due anni quando ha chiamato i carabinieri terrorizzata dal fatto che l’ex marito la stava inseguendo. I Carabinieri di Misterbianco hanno così arrestato un 36enne pregiudicato del posto per maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori.

Pubblicità

La donna aveva telefonato ai militari della Tenenza, chiedendo aiuto in quanto il suo ex marito stava aggredendola mentre si trovava in auto con la figlioletta di 2 anni. La coppia si era già da tempo separata a causa delle intemperanze del marito che peraltro, il 7 aprile dello scorso anno, aveva anche avuto dal Tribunale di Catania un provvedimento di divieto di avvicinamento all’ex moglie ed il divieto di comunicare in qualsiasi modo con la donna. Ma l’uomo però ha insistito e lo scorso 21 aprile si è recato presso la sua abitazione dove l’ha picchiata in presenza dei figli. Ieri ha deciso di andare oltre seguendo a bordo del proprio scooter la moglie che, in auto con la figlia di due anni stava rientrando a casa per preparare la cena. L’uomo ha bloccato la marcia dell’autovettura ponendo il suo motociclo al centro della carreggiata e gridando insulti verso l’ex moglie reclamando la figlia e prendendo a calci e pugni lo sportello ed il cofano dell’autovettura. La donna era riuscita a ripartire ma l’ex marito era rimasto addirittura appeso alla maniglia dello sportello con la macchina in movimento, creando pericolo per le altre autovetture in transito. La donna ha telefonato ai carabinieri ed è stata assistita in diretta in attesa che le pattuglie accorressero in suo aiuto. Il marito si era inizialmente dato alla fuga ma, grazie alle ricerche dei militari, è stato rintracciato e messo ai domiciliari.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: