Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Piano rifiuti Sicilia, Legambiente a Musumeci: «Inceneritori? Fuga dalla realtà»

Di Redazione

PALERMO - «Proporre, come sta facendo Musumeci, la soluzione degli inceneritori per risolvere il problema della gestione del secco residuo e dell’emergenza rifiuti è solo illusorio, - o, meglio, una fuga dalla realtà - poiché, oltre ad essere un investimento oneroso sia per il pubblico che per il privato, che verrebbe pagato comunque dalle tasse dei siciliani con costi di conferimento di 200 euro a tonnellata, ci vorranno non meno di 7-10 anni, e non tre come ha detto oggi, per la loro realizzazione e, di fatto, impedirebbe il raggiungimento gli obiettivi selettivi e sfidanti di riciclo previsti dalle direttive europee sull'economia circolare». Sono le parole di Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, a commento del piano rifiuti presentata questa mattina dalla Regione siciliana.

Pubblicità

«Musumeci fa finta di non sapere che gli inceneritori sono, e lo saranno sempre di più nei prossimi anni, un problema e non la soluzione per gestire la chiusura del ciclo dei rifiuti. Eppure sono trascorsi 4 anni di promesse buttate al vento durante i quali non si è riusciti a realizzare nemmeno un impianto pubblico per il recupero e il riciclo, neanche ad autorizzare quelli già esistenti», aggiunge.

«L'Ue - sottolinea Tommaso Castronovo, coordinatore della campagna Sicilia Munnizza Free e responsabile rifiuti di Legambiente Sicilia - incoraggia e finanzia soluzioni di gestione dei rifiuti a prestazioni ambientali più elevate che abbracciano l’obiettivo zero rifiuti, come la prevenzione, il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti. Nell’isola, grazie ad una precisa strategia, la raccolta differenziata rimane bassissima e le discariche sono pericolosamente colme. È da anni, ormai, che lo denunciamo: l’unica via per uscire dall’emergenza (voluta) è la raccolta differenziata e la realizzazione di impianti per gestire i rifiuti, ma l’attuale governo regionale e le Srr non sono stati in grado di imprimere una svolta su questo aspetto fondamentale».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA