Notizie locali
Pubblicità
Unesco, Troina aderisce alla "Rete della transumanza"

Archivio

Unesco, Troina aderisce alla "Rete della transumanza"

Di Redazione

TROINA (ENNA) - Nell’ambito del più ampio programma "Terre Rurali d’Europa", il comune di Troina nell’Ennese ha aderito al progetto "Parchi, Pastori, Transumanze e Grandi Vie della Civiltà", nato dall’impegno della famiglia Colantuono e di Nicola Di Niro che, nel 2019, ha portato all’inserimento della transumanza nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Unesco. Il progetto si pone l’obiettivo di valorizzare i territori rurali e di mettere in evidenza la qualità e lo stile di vita di coloro che lo abitano e lo rendono unico: uomini, animali e varietà vegetali. Particolare rilievo assume anche il recupero e riqualificazione del patrimonio storico, culturale, ambientale e delle tradizioni della civiltà agropastorale, delle produzioni tipiche agroalimentari e dell’artigianato, per creare opportunità idonee a favorire l’implementazione di attività multisettoriali, capaci di generare sviluppo del territorio anche ecocompatibile con la propria identità.

Pubblicità

"Attraverso la valorizzazione dei nostri boschi in chiave ecosostenibile - aggiunge il presidente della Silvo-Pastorale Angelo Impellizzeri - , stiamo costruendo progetti virtuosi basati sul turismo lento e sull'ospitalità rurale, mettendoli in connessione con le risorse ambientali, storiche e culturali del territorio. Con la riproposizione dell’antica pratica della transumanza, che sui Nebrodi ha origini antichissime, intendiamo anche valorizzare le antiche trazzere ed i manufatti della civiltà pastorale, che presto verranno inseriti in un sistema di offerta turista integrata". L'UNESCO ha riconosciuto due tipi di transumanza: quella orizzontale, nelle regioni pianeggianti, e quella verticale, tipica delle aree di montagna, evidenziando l’importanza culturale di una tradizione che ha modellato le relazioni tra comunità, animali ed ecosistemi, dando origine a riti, feste e pratiche sociali che costellano l’estate a l’autunno, quale segno di una pratica che si ripete da secoli con la ciclicità delle stagioni in tutte le parti del mondo. Le regioni coinvolte nel progetto sono Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Molise, Calabria e Puglia e, adesso, con l'adesione del Comune di Troina, che è stato individuato come Ente coordinatore e capofila a livello regionale, si è aggiunta anche la Sicilia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: