home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

ROMA

Di Maio, sui rider non accetto ricatti

Domani incontra aziende food delivery. Guerra a precariato

Di Maio, sui rider non accetto ricatti

ROMA, 17 GIU - "Ho tutta la volontà di favorire la crescita di nuove attività legate alla gig economy e nessuno vuole demonizzarle". Ma "ho il dovere di tutelare" i riders che "oggi sono il simbolo di una generazione abbandonata dallo Stato". Lo scrive il ministro Luigi Di Maio su Fb citando le critiche di Foodora - che si era detta pronta a lasciare l'Italia con regole troppo vincolanti - e annunciando che domani incontrerà le principali piattaforme di food delivery, da JustEat a Deliveroo. "Se lavoriamo insieme l'Italia diventerà il modello da seguire" per i lavori legati alle piattaforme digitali. "Ma sia chiaro. Non si accettano ricatti. I nostri giovani prima di tutto". "Da Ministro - aggiunge - ho deciso di dichiarare guerra al precariato" che "sta disgregando la nostra società. Sta facendo impennare il consumo di psicofarmaci" e "calare la crescita demografica". L'intenzione, conclude "è garantire le condizioni migliori per i lavoratori e consentire alle aziende di operare con profitto per creare nuovo lavoro".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa