Notizie locali
Pubblicità

Economia

Ponte sullo Stretto, Carfagna vota sì: «E' necessario»

Di Redazione

«Ritengo che il ponte sullo Stretto sia necessario per rompere l’isolamento che condanna la Sicilia ad una situazione di arretratezza, anche per l’assenza di un collegamento stabile tra l’Isola e la Calabria. Tra l'altro verranno meno con le opere finanziate le obiezioni avanzate in passato, quindi l’assenza di un raddoppio della capacità ferroviaria».

Pubblicità

Lo ha detto ai giornalisti, nel pomeriggio, il ministro per il Sud Mara Carfagna, durante la conferenza stampa a Palazzo d’Orleans di Palermo, dopo l'incontro con Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana. «Dalla relazione consegnata dal ministro Giovannini e fatta dalla commissione nominata dal precedente governo - ha osservato - emerge la necessità del ponte sullo Stretto, da quella relazione sono state escluse le soluzioni subacquee, restano in piedi le soluzioni ad una o tre campate». Il ministro poi ha aggiunto: «Quello che interessa è che pare ci sia la volontà, tranne qualche ormai esigua perplessità, di assumersi la responsabilità dell’avvio della costruzione del ponte. Se si arriverà alla soluzione con tre campate ci sarà bisogno di tempo ulteriore, ma definito, per lo studio dei fattibilità. Se invece si dovesse optare per una campata si dovrà comunque lavorare a un adeguamento del progetto attuale il che porterebbe via dai 6 ai 7 mesi. Per lo studio di fattibilità parliamo di qualcosa in più». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: